A cavillo del fuorigioco

Massimiliano Morelli cura per TuttoCagliari.net una tagliente rubrica di spigolature dedicate al mondo rossoblù, viste attraverso il tubo catodico. Classe '63, Morelli è giornalista e scrittore. Ha al suo attivo una decina di pubblicazioni
02.04.2013 13:30 di Redazione TuttoCagliari.net   Vedi letture
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
A cavillo del fuorigioco

Io vorrei guardarli negli occhi quei due, ex di turno e telecronista d'assalto, mentre cercano il cavillo d'una posizione d'offside per giustificare l'uno a zero griffato Pinilla nella desolazione d'uno stadio vuoto di persone ma pieno di sensazioni. Vorrei chiedergli perché sono stati capaci di racchiudere novanta minuti di bel calcio in quell'episodio, tanto dubbio per loro quanto inoffensivo per la viola di Toscana tanto è vero che nessuno fra i montelliani s'è lamentato, sul momento, della decisione arbitrale. Ripetere lo stesso refrain, banale misto inutile, annichilisce lo spettacolo e ridicolizza chi straparla. E vorrei chieder loro il perché d'una scelta così provinciale nel contesto d'una tv che ostenta mentalità interplanetarie quando deve puntare sullo spot acchiappa-spettatori. Offrirei loro pure un dizionario per fargli snocciolare termini diversi dal “devastante” ormai affibbiato a Ibarbo e dalle stucchevoli e ripetitive etichette offerte di volta in volta ai vari Pinilla (ah, se non avesse avuto tanti infortuni!), Astori (degno d'una grande squadra) o Sau, destinato all'amarcord del giocatore “che ha fatto grandi cose in serie B”. Hanno comunque la fortuna dalla loro parte e per una domenica non finiscono  per la strana coppia che Nainggolan modificato capigliatura, altrimenti pure stavolta l'avrebbero confuso con Pisano. Il tutto con buona pace di chi critica Is Arenas e costringe la squadra a giocare senza pubblico sugli spalti.