Rastelli: "Cagliari? Esonero frettoloso, mi aspettavo maggior pazienza"

08.09.2018 11:03 di Serafino Ghisu  articolo letto 2914 volte
Fonte: La Gazzetta dello Sport
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Rastelli: "Cagliari? Esonero frettoloso, mi aspettavo maggior pazienza"

Attende una chiamata da quasi un anno. Precisamente dal 17 ottobre 2017, quando Tommaso Giulini lo sollevò dall'incarico di allenatore del Cagliari. Parliamo di Massimo Rastelli, che ha ricordato, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, il momento in cui il presidente rossoblù decise di sostituirlo con Diego Lopez, dopo la sconfitta in casa contro il Genoa: "Semplicemente la società ha deciso per il cambio. In virtù degli ottimi risultati dei 2 anni precedenti, al primo vero momento di difficoltà, mi sarei aspettato maggior pazienza. Otto giornate è troppo presto. Soprattutto se con Juve e Milan fuori hai fatto bene, hai battuto Crotone e vinto a Ferrara con la Spal e sei 14°, in linea con gli obiettivi. Ma ora guardo avanti. Con Tommaso Giulini sono in ottimi rapporti, ogni tanto ci sentiamo e lo ringrazio per avermi dato la possibilità di allenare il Cagliari.

Dove ho sbagliato? Avrò fatto sicuramente i miei errori e tutto questo tempo mi è servito per riflettere e capire dove avrei potuto fare meglio. Ma la squadra aveva bisogno di un po’ di tempo. Avevamo perso 6 giocatori chiave, e i loro sostituti non giocavano da tempo. E tutto questo è venuto a galla nell’infrasettimanale con Sassuolo e Chievo. Lì avrei dovuto fare più turnover, ma ho preferito dare continuità a chi aveva vinto 2 gare di fila. L’abbiamo pagata cara fisicamente".