All’ultimo respiro

26.10.2017 11:30 di Serafino Ghisu  articolo letto 1535 volte
© foto di Federico Gaetano
All’ultimo respiro

Il gol allo scadere è un patrimonio del calcio. Può far vincere campionati, coppe, scontri salvezza o semplicemente una partita. Può far gioire tifosi e appassionati. Il gol allo scadere è il concretizzarsi di una speranza, che fino a pochi attimi prima sembrava dovesse rimanere tale. Ieri, alla Sardegna Arena, Leonardo Pavoletti ha segnato allo scadere il gol che ha sancito la vittoria del Cagliari sul Benevento. Una vittoria importante per i rossoblù, dopo cinque ko consecutivi.

I sardi hanno giocato discretamente nel primo tempo, sotto le aspettative nella ripresa. Lopez ha optato per il 3-5-2, concedendo un turno di riposo a Joao Pedro: il rientrante Rafael si è posizionato tra i pali, Pisacane (uscito dopo 38’ per infortunio), Ceppitelli e Romagna in difesa, Padoin, Faragò, Cigarini, Barella e Miangue in mezzo al campo, Pavoletti e Sau in attacco.

Dopo appena sei minuti i rossoblù sono passati in vantaggio grazie al gol di Paolo Pancrazio Faragò, che ha messo la firma nel tabellino dei marcatori dopo una singolare mischia all’interno dell’area. Poi Marco Sau, in evidente difficoltà, ha fallito il rigore del possibile 2-0, sparando alto il pallone. Il Cagliari ha continuato a gestire la gara e a produrre azioni da gol ma Sau prima, Farias poi hanno buttato alle ortiche due importanti contropiedi. I rossoblù, soprattutto nell’ultima mezz’ora, si sono chiusi eccessivamente e il Benevento ha preso in mano il pallino del gioco. La difesa sarda ha iniziato a perdere colpi e i campani ne hanno approfittato. Rafael ha sventato la minaccia sannita in un paio di occasioni, ma sul discutibile rigore concesso al Benevento dal signor Irrati poco poteva fare.

La certezza del Cagliari di aver messo in cassaforte i tre punti si è frantumata al 94’, nel momento in cui Iemmello ha trasformato il calcio di rigore. “Pensiamo al Torino”, si iniziava a borbottare alla Sardegna Arena. Ma all’ultimo respiro il Cagliari ha trovato il gol del vantaggio: cross da destra di Faragò, uno dei migliori in campo, per Pavoletti che si è alzato altissimo - quasi volesse toccare il Cielo per chiedere disperatamente un miracolo - per colpire il pallone di testa. La Sardegna Arena si è accesa, con Pavoletti e compagni che sono andati verso la curva per esultare con i tifosi. Dal fondo al paradiso: il Cagliari è tornato, finalmente, alla vittoria.

I rossoblù dovranno continuare a lavorare in vista dell’impegno di domenica allo “Stadio Olimpico Grande Torino”, ma con tre punti in più sarà molto più semplice.

Clicca QUI per guardare il video "All'ultimo respiro ~ Cagliari-Benevento 2-1".