Bravi e sfortunati

 di Serafino Ghisu  articolo letto 1732 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Bravi e sfortunati

Per uno svarione difensivo, l’unico in tutta la partita, il Cagliari lascia i tre punti al Milan. L’autore del gol è Bacca che, all’88’, trafigge Rafael dopo un batti e ribatti in area di Pisacane e Alves.

Il Cagliari si difende - questa volta stranamente bene - e attacca quando può. Insomma, risponde colpo su colpo. Prova ad impensierire Donnarumma con Barella prima, Sau e Dessena poi. Ma il gol dei rossoneri arriva come un fulmine a ciel sereno. Una sconfitta che brucia parecchio, perché questa volta, a differenza delle imbarcate contro le "grandi" Juventus, Napoli, Lazio e Torino, il Cagliari ha messo il cuore in campo.

C’è da dire che gli episodi non hanno girato a favore del club di Giulini: il gol i rossoblù lo avevano trovato al 68’ con Isla. Gol che però è stato annullato dal sign. Giacomelli per la presunta posizione di off-side del cileno. E l’azione che si è conclusa con la rete di Bacca - come ha anche sottolineato Rastelli nel post partita - è nata da un fallo non fischiato ai danni di Isla.

C’è amarezza per la sconfitta, arrivata alla fine di una prova tutto sommato positiva dei sardi. Una partita indirizzata verso il pareggio, che però ha avuto esito diverso. La classifica non è preoccupante, i punti di distacco dalla terzultima (Palermo) restano tredici. Bisogna continuare a camminare sulle orme della partita di ieri sera. Qualsiasi avversario va affrontato sempre a testa alta, mettendo in campo cuore e grinta.