Cagliari, ti manca un trequartista puro

La squadra di Rastelli alla ricerca del bel gioco
 di Luca Zanda  articolo letto 3656 volte
© foto di Daniele Liggi/TuttoCagliari.net
Cagliari, ti manca un trequartista puro

Non c'è bisogno di scomodare monsieur Lapalisse per dire che il Cagliari sia la squadra più attrezzata del campionato cadetto. Tuttavia, nonostante i buoni risultati (ottenuti specialmente in casa) e il cinismo sin qui visto, i rossoblù sono alla continua caccia del bel gioco, finora mancato. Troppa pressione prima delle partite? Il Cagliari deve trovare la giusta amalgama? Analizziamo le cause che, a sprazzi, bloccano la manovra rossoblù. È indubbio che Capozucca abbia costruito una rosa di valore che deve cercare la vittoria sempre e comunque. Questo aspetto crea attorno alla squadra aspettative tali da stimolare le critiche dei tifosi nel momento in cui le cose non vanno per il verso giusto. È altrettanto indubbio che gli isolani debbano trovare la giusta amalgama dopo aver modificato uomini e meccanismi rispetto alla passata stagione. Ci permettiamo di aggiungere alla nostra analisi una constatazione tecnico-tattica. Siamo sicuri che il Cagliari abbia tra le proprie fila un vero trequartista consono al modulo sin qui proposto?

Il ruolo del trequartista

Massimo Rastelli non ha mai fatto mistero di voler adottare, in relazione ai calciatori di cui dispone, un 4-3-1-2. Questo sistema di gioco, per sua natura, prevede la figura di un trequartista che agisca alle spalle delle due punte mettendo qualità tra le linee. Farias o Joao Pedro? Questo è il dilemma. Infatti i due brasiliani, pur possedendo caratteristiche diverse, sono stati impiegati quasi sempre dietro gli attaccanti. Farias rimane più fantasioso mentre Joao Pedro garantisce più quantità. Svelate le loro caratteristiche rimane il dubbio: chi è il vero numero 10? Probabilmente nessuno dei due. JP ha mostrato di far bene in mediana al fianco di Dessena e Di Gennaro. In quella posizione svolge le sue mansioni in modo disciplinato stando sul pezzo mentre da trequartista, molto spesso, parte in quarta senza dialogare con i compagni. Farias ha dato il meglio di sé come seconda punta in tandem con Melchiorri. Sebbene l'ex giocatore del Foggia possieda qualità importanti per la categoria, non pùò esprimere il massimo tra le linee per due ordine di motivi: deve essere privato di responsabilità tattiche sul centro-mediano metodista avversario e soprattutto ha necessità di essere affiancato da un partner. Occorre un trequartista abile a creare superiorità numerica saltando l'uomo per poi servire l'abbondante parco attaccanti rossoblù. La soluzione potrebbe essere made in Asseminello. Infatti Rastelli vanta nel suo organico un giocatore duttile come Davide Di Gennaro. Il giocatore nasce come trequartista per poi essere spostato in mezzo al campo nel corso della carriera. Fossati in cabina di regia e l'ex Reggina sulla trequarti rappresenterebbe un interessante piano B. Il Cagliari, con questo esperimento, potrebbe crescere in quanto a fluidità della manovra e varietà nell'ultimo passaggio. Probabilmente i rossoblù riuscirebbero a vincere il campionato continuando ad adattare Farias e Joao Pedro ma il compito di una squadra come il Cagliari, soprattutto in serie B, è la ricerca della perfezione.