VERSIONE MOBILE
 
 Lunedì 23 Gennaio 2017
SONDAGGIO TC - VOTA IL MIGLIORE DI ROMA-CAGLIARI
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

IL PUNTO

Persa una ghiottissima occasione, ma non tutto è da buttare

05.12.2016 07:00 di Pietro Piga  articolo letto 1258 volte
Persa una ghiottissima occasione, ma non tutto è da buttare

Il colpo è rimasto in canna. Il Cagliari, ieri pomeriggio, con i tre punti contro il Pescara, avrebbe posto – con tutta probabilità – una pietra tombale sul discorso legato alla salvezza, che avrebbe permesso di continuare il campionato con meno ansie, giocando liberamente e puntando a qualche traguardo più prestigioso.

Invece, a tre minuti dal triplice fischio finale, è arrivata la doccia gelata accesa da Caprari. Un risultato che non è da spazzare via ma che, visto il responso che fino a quel momento aveva dato il campo, lascia l'amaro in bocca. L'esito finale, però, non è solo frutto della poca protezione di Dessena sul cross di Biraghi, i salti a vuoto di Salamon e Bruno Alves e del mal posizionamento di Pisacane in occasione della rete subita, ma anche di altri fattori. Il Cagliari, dopo aver preso l'iniziativa fin dall'inizio e imbastito diverse sortite offensive, ha trovato – meritatamente – il gol con Borriello, che ha dimostrato di non aver perso il vizio di gonfiare la rete. Dopodiché, i rossoblu hanno concesso il fianco al Pescara ma tenendo bene il campo, chiudendo gli spazi e difendendosi senza affanni sia per meriti propri, sia per la troppa imprecisioni della squadra guidata da Massimo Oddo.

Seduti sugli allori, però, si rischia di farsi male da soli e così è stato: ci ha pensato Di Gennaro, che prima si è visto sventolare il cartellino giallo per un recupero irregolare e poi un rosso dopo aver commesso un altro intervento scomposto, a far cominciare la sofferenza; e poi, dall'espulsione, ci si è messo l'atteggiamento remissivo degli altri dieci giocatori, seppur lo schieramento con cui ha corso al riparto Massimo Rastelli non lo imponesse. Nel 4-3-1-1 con Sau a supporto di Borriello, Ceppitelli spostato sulla destra, Salamon in mezzo con Bruno Alves e Isla avanzato a centrocampo, il baricentro – con la passare dei minuti – si è sempre più abbassato, stoppando le iniziative centrali ma non quelle sugli esterni, che hanno portato al pari-beffa. La palla, nei piedi dei rossoblu, è sembrata incandescente: palla lunga e pedale senza badare a completi e gestione del vantaggio che è andato a farsi benedire. Anzi, non c'è proprio stata.

La mentalità, che sembra il punto debole del Cagliari, sta condizionando l'andamento delle gare, anche quelle vinte. Basti pensare a quelle con Crotone, Palermo e Udinese, messe in ghiaccio e poi riportare fuori dal freezer a causa di calo psicologico collettivo. E se la classifica non preoccupa, questa situazione invece sì. Il compito di Rastelli sarà quello di lavorare sulla psiche dei suoi ragazzi, cercando di tenere alta la tensione e di trovare la soluzione per amministrare al meglio i vari momenti all'interno di una partita.

L'allenatore, però, può sorridere: la sfida dell'Adriatico-Cornacchia, infatti, ha evidenziato come Barella si stia sempre più integrando nei meccanismi, dimostrando di poter essere un punto fermo nella zona nevralgica del campo; anche Bruno Alves e Storari, in un periodo più scuro che chiaro, hanno dato dei segnali positivi. Quindi, non tutto è da buttare. E poi c'è Borriello, che ha messo fine al digiuno. Prima della sosta natalizia ci saranno altre tre sfide (contro Napoli, Empoli e Sassuolo) per raggiungere l'obiettivo che ieri è sfuggito, quello di creare il vuoto in classifica.

 

 

 

 

 


Altre notizie - Il Punto
Altre notizie
 

LA MACCHINA DA GOL A TINTE ROSSOBLÙ

La macchina da gol a tinte rossoblùIl Cagliari, con trentuno gol segnati in venti partite, vanta l’ottavo miglior attacco della Serie A. Gol realizzati non solo dagli attaccanti: nove siglati da Borriello, quattro da Sau e Farias, tre da Melchiorri, due da Joao Pedro, Dessena e Di Gennaro, uno da Capuano, Al...

CAGLIARI, DEIOLA VERSO IL RIENTRO

Cagliari, Deiola verso il rientroDopo aver acquistato Paolo Pancrazio Faragò - ormai manca solo l'ufficialità - Tommaso Giulini si...

I SARDI IN GIRO PER L'ITALIA - VINCE L'UNICUSANO FONDI DI BOMBAGI. IL LECCE DI MANCOSU CAMPIONE D'INVERNO

I Sardi in giro per l'Italia - Vince l'Unicusano Fondi di Bombagi. Il Lecce di Mancosu Campione d'InvernoChiude nel migliore dei modi questo 2016 l’Unicusano Fondi, compagine impegnata nel girone C di LegaPro. La squadra di...

US, IL GLADIATORE È PRONTO AL RIENTRO

US, Il gladiatore è pronto al rientroL'edizione odierna della testata locale L'Unione Sarda dedica un intero articolo al capitano Daniele Dessena. Il...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 Gennaio 2017.
 
Juventus (-1) 48
 
Roma 47
 
Napoli 44
 
Lazio 40
 
Inter 39
 
Atalanta 38
 
Milan (-1) 37
 
Fiorentina (-1) 33
 
Torino 30
 
Bologna (-1) 26
 
Cagliari 26
 
Chievo Verona 25
 
Udinese 25
 
Sampdoria 24
 
Sassuolo 24
 
Genoa 24
 
Empoli 21
 
Crotone (-1) 10
 
Palermo 10
 
Pescara (-1) 9

   Editore: Christian Seu Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI