Squadra al completo, certezza Storari. Il Cagliari riscopre i sardi?

 di Luca Zanda  articolo letto 4721 volte
© foto di Daniele Liggi/TuttoCagliari.net
Squadra al completo, certezza Storari. Il Cagliari riscopre i sardi?

“Alea iacta est”. Potremmo utilizzare una celebre espressione di cesariana memoria per fare il punto sul calciomercato del Cagliari dopo la chiusura della sessione estiva. La società, prima di allestire la rosa, ha puntato forte su un allenatore coriaceo come Massimo Rastelli a cui è stato affidato un compito arduo ma stimolante: riportare il Cagliari nella dimensione che più gli compete, la Serie A.
Ancor prima del mister è stato individuato un direttore sportivo esperto in grado di costruire un gruppo con dei vaori importanti. Nota triste: sarà la prima volta, dopo diverse annate, senza Cossu, Pisano e capitan Conti.

I sardi: il Cagliari vuole dare spazio ai prodotti del proprio vivaio come mai, o quasi, aveva fatto in passato. Ecco che il classe 95' Deiola, reduce da una bella esperienza con il TuttoCuoio e da un ottimo pre-campionato, risulta promosso nello scacchiere tattico di Rastelli. Confermato Nicola Murru che lotterà ogni giornata a spron battuto per guadagnarsi un posto in squadra da titolare inamovibile. Dario Del Fabro torna dall'esperienza oltremanica al Leeds di Cellino mentre Nicolò Barella è stato aggregato definitivamente alla prima squadra dopo l'ultimo scorcio della scorsa stagione dove aveva ben figurato. Il sardo che chiude la cerchia è Marco Sau, da cui ci si aspetta una grande serie B. Non è ufficialmente un acquisto ma può diventarlo se mette da parte l'ultimo anno per proiettarsi al futuro.

Le certezze: la garanzia, innanzittuto, proviene dai pali. Marco Storari è nuovamente un giocatore rossoblù. Esperto, forte tecnicamente, voglioso di costruire un gruppo coeso, Storari è un lusso per la categoria, una sorta di condicio sine qua non per il Cagliari. Davide Di Gennaro, il playmaker chiamato a sostituire Daniele Conti in mezzo al campo, dovrebbe essere la seconda certezza della squadra. Conoscenza della serie cadetta, qualità e visione di gioco sono le peculiarità principali dell'ex giocatore del Vicenza. Anche Federico Melchiorri, acquistato dal Pescara, con quattordici reti e dieci assist realizzati nella passata Serie B, si presenta bene in Sardegna. La difesa è stata puntellata con gli innesti di Salamon e Krajnc mentre a centrocampo, oltre a Marco Fossati, è arrivata l'esperienza di Gianni Munari e la spensieratezza di Tello. In avanti si potrà contare sui centimetri di Alberto Cerri e sull'eclettico Giannetti.

Le partenze illustri: è stato un calciomercato anche di sacrifici importanti. Danilo Avelar, uno dei primi a fare le valigie, è approdato al Torino proprio all'inizio della sessione estiva. Albin Ekdal è volato in Germania, direzione Amburgo, per tentare di dare uno slancio alla propria carriera. Luca Rossettini ha deciso di restare in Serie A e giocarsi le chances di salvezza con il Bologna. Stessa scelta, seppur più discussa e criticata, è stata fatta da Donsah. C'è un piccolo rammarico per il mancato rinnovo dei prestiti di M'Poku e Cop che magari, in Serie B, avrebbero potuto fornire un contributo alla causa.