Serie D - Salerno alle porte, il Porto Torres si prepara "tagliando" quattro giocatori

 di Fabio Frongia  articolo letto 6213 volte
© foto di Francesco De Cicco/TuttoLegaPro.com
Serie D - Salerno alle porte, il Porto Torres si prepara "tagliando" quattro giocatori

Dopo l'Arzachena, il Portotorres. "Imitando" quanto fatto dalla società smeraldina nei primi mesi della stagione, anche i turritani decidono di epurare un gruppo di giocatori nel bel mezzo della stagione. I rossoblù hanno infatti "tagliato" quattro calciatori quando mancano quattro partite al termine della stagione regolare.

Si tratta dei centrali difensivi Massimo Piscopo e Tommaso Movilli, del terzino Alessandro Cossu e del portiere Riccardo Giorgi. Decisione che arriva come un fulmine a ciel sereno a pochi giorni dalla proibitiva trasferta in casa della capolista Salerno, e subito dopo il ko interno contro il Fidene, diretta concorrente per un posto nei playoff.

Proprio questa sconfitta avrà dato un imput decisivo. Il disastroso girone di ritorno ha fatto sfumare prima i sogni di vetta cullati per mesi, poi messo a serio rischio la partecipazione agli spareggi. Logico dunque cercare di tagliare le spese, sempre pressanti a questi livelli, e provare a tirare avanti.

Anche se, per quanto riguarda il lato economico: "Non è stato preso alcun provvedimento riguardo alla spettanza dei loro emolumenti - le parole del tecnico Sebastiano Pinna leggibili su La Nuova Sardegna - come previsto dal contratto, e comunque mi impegnerò personalmente affinché la società possa onorare tutto alla fine del torneo. Come avvenuto regolarmente fino a oggi per tutti gli atleti dell’organico".

Dunque nessun taglio di stipendio ma campo di allenamento bandìto per i quattro. Il tutto mentre ci si prepara ad affrontare il Salerno, reduce da una sconfitta ma lanciatissimo verso al festa promozione. "Per la partita di Salerno e per i restanti match avremo qualche giovane in più del nostro vivaio - sottolinea Pinna - ma non per questo saremo meno competitivi rispetto a prima".

Partita difficile, forse impossibile. Il Salerno raramente sbaglia due gare consecutivamente, e tra le mura amiche in pochi (tra cui il Progetto Sant'Elia) sono riusciti a bloccare i granata. Inoltre il Porto Torres appare in crisi irreversibile. Occorrerà però reagire, e raccogliere forze e punti necessari ad accedere agli spareggi. O, altrimenti, le parole del presidente nelle conferenze stampa estive ("Saremo il Barcellona della Serie D") rimarranno una semplice boutade da consegnare alle battute scherzose.