Colombatto: "In Sardegna grazie a Cordoba. Serie A? Cagliari, io sono pronto"

 di Federico Paparusso  articolo letto 5691 volte
Fonte: GianlucadiMarzio.com
© foto di Federico Gaetano
Colombatto: "In Sardegna grazie a Cordoba. Serie A? Cagliari, io sono pronto"

Santiago Colombatto, centrocampista del Cagliari, l'anno scorso in prestito al Trapani, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di GianlucaDiMarzio.com: "E' stato un anno sfortunato per la squadra, ma molto positiva per me: mi ha permesso di mettermi in mostra e farmi conoscere. Ho sfruttato al massimo le opportunità che mi ha dato il Trapani. Cosmi e Calori sono stati entrambi molto importanti per la mia crescita, ho imparato tanto da loro. Con Calori ho avuto più spazio e opportunità di giocare lì in mezzo, a centrocampo, nel mio ruolo preferito: mi ha dato fiducia". Idoli? No, solo modelli..."La mia squadra del cuore è sempre stata il River Plate e in Argentina ho potuto osservare da vicino grandissimi giocatori. Non mi piace parlare di 'idoli', preferisco definirli modelli. Qualche tempo fa erano Fernando Redondo e Esteban Cambiasso, adesso mi piace molto Lucas Biglia. Sono giocatori che hanno il mio stesso ruolo e studio spesso le loro partite, nella speranza di fare mio qualche segreto del ruolo".

L'addio dalla propria terra d'origine non è stato facile, per niente: "E' stato difficile resistere alla lontananza di famiglia e amici. Nessuno voleva darmi una chance, ma mi ero promesso che non sarei tornato a casa senza ottenere almeno un provino: ce l'ho fatta e l'anno scorso è arrivata la chiamata del Cagliari, grazie anche a Invan Ramiro Cordoba". 

Colombatto dopo l'esperienza in Sicilia è pronto a tornare in Sardegna: "Dopo un campionato di B con 30 presenze credo di essere pronto e di aver maturato l'esperienza giusta per provare la serie A. Certo, a Cagliari dovrò dimostrare di essere all'altezza e dovrò impegnarmi al massimo. Vedremo cosa decideranno i rossoblù, io però sono pronto".