Joao Pedro: "Guardiamo partita dopo partita. Un'onore vivere a Cagliari"

09.11.2019 17:05 di Redazione Cagliari   Vedi letture
Fonte: TMW
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Joao Pedro: "Guardiamo partita dopo partita. Un'onore vivere a Cagliari"

Joao Pedro, intervenuto oggi a margine del meet&greet coi tifosi rossoblù, ha commentato anche il suo freschissimo rinnovo contrattuale con il Cagliari: "Può essere definito il settimo gol. Specie perché a inizio stagione si è detto qualcosa sul mio futuro e ho cercato di smentire tutto sul campo. È scontato dire quello che il Cagliari rappresenta per me. Per me è un onore vivere qua. Mi sento a casa, sembra scontato ma è quello che sento. I miei figli stanno crescendo qua. Tante gioie per me a Cagliari specie dare il mio contributo per la società in un anno così importante". 

C'è pressione sulla squadra? 
"C'è perché stiamo facendo bene ma è una pressione che ci fa bene perché è bello essere lì su. Non è fortuna ma duro lavoro. Con la Fiorentina sarà una grande prova, è una squadra contro la quale ho fatto gol importanti. Il mio ruolo? Sempre stato disponibile, ora con Radja siamo quasi due seconde punte e mi sto trovando bene. La classifica? Pensiamo solo di partita in partita e a vincere. Lasciamo stare altri discorsi". 

Ti aspettavi di partire così bene? 
"Forse ero l'unico ma io ci credevo davvero. Mi sono messo in discussione, ci sta quando giochi a calcio ma sono contento del momento. Non è stato facile superare il fatto di essere messo in discussione". 

La coppia con Simeone dà ottime soddisfazioni. 
"Sicuramente sono il più bello. Scherzi a parte c'è grande disponibilità da parte di entrambi. Non è facile cambiare compagno di reparto, poi lui è un ragazzo stupendo. Non solo un forte giocatore ma anche un bravo ragazzo. Stiamo lavorando molto sul non possesso. Cosa gli ruberei? La Garra argentina ma come detto sono più bello quindi va bene così". 

Ti stai divertendo quest'anno? 
"Sì, mai come quest'anno in campo. Sto trovando un feeling perfetto con me stesso, la città, la squadra. Non mi aspettavo quando sono arrivato a Cagliari che il mio futuro sarebbe stato così importante a Cagliari. Non avevo mai fatto due anni di fila in una squadra. E non è semplice trovare questo rapporto con un posto diverso dal tuo". 

Un pensiero su Riva?
"Non ha detto nulla sul mio sinistro? No, scherzi a parte fa piacere ricevere i suoi complimenti. Gli auguro buon compleanno".