Cagliari e Palermo, incerottate al "derby delle isole"

I rossoblù ospitano i siciliani in una sfida importante per definire quelle che saranno le ambizioni delle due squadre nel proseguo del torneo.
16.01.2011 10:30 di Fabio Frongia   Vedi letture
© foto di Christian Seu
Cagliari e Palermo, incerottate al "derby delle isole"

Terzo impegno della stagione all'ora di pranzo per il Cagliari, che ospita il Palermo per la prima giornata di ritorno. I rossoblù di Donadoni arrivano a quello che molti chiamano “derby delle isole” con alcune defezioni importanti. Prima di tutto mancherà Andrea Cossu, vero “motore” carismatico e tattico della squadra. Impossibile trovare un elemento analogo sulla trequarti, ancora più difficile se i due giocatori della rosa che dovrebbero sostituirlo nelle emergenze, ovvero Pinardi e Lazzari, sono uno in partenza e l'altro infortunato. Ma anche, il bergamasco, ai margini del progetto vista la volontà di lasciare Cagliari per il più rinomato lido milanista.
Il Palermo varca il Canale di Sardegna con qualche problema di formazione, ma rinfrancato dal passaggio del turno in Coppa Italia, ottenuto in settimana. I rosanero sono in un buono stato di forma, nonostante le solite sparate del presidente Zamparini che pare aver già silurato il tecnico Delio Rossi per la prossima stagione in nome di Villas Boas (l'ex assistente di Josè Mourinho). A ridosso dell'Europa che conta, il Palermo cerca a Cagliari punti pesanti dopo esser stato bloccato a Verona nell'ultima di andata. Per farlo dovrà fare a meno di alcuni uomini importanti: i lungodegenti Pinilla ed Hernandez più i difensori Bovo e Goian. Attacco e difesa decimati, insomma, ancor più dopo l'assenza in extremis del febbricitante capitan Miccoli. Il che rende le scelte di Rossi obbligate quanto quelle del collega Donadoni.
Emergerà la bravura dei due tecnici, e intanto è stato lo stesso Rossi a incensare l'avversario odierno felicitandosi per il suo ritorno in panchina: “Sono molto contento che sia tornato ad allenare. Se lo merita. E' una delle poche persone serie in un mondo di ciarlatani". Senza tre delle sue quattro punte, sarà Maccarone il terminale offensivo con Pastore e Ilicic alle sue spalle. Mediana titolare con Migliaccio-Nocerino-Bacinovic, mentre al centro della difesa ci sarà l'esordio dello sloveno Andelkovic.
Donadoni non ha svelato alcun dubbio riguardo la formazione da schierare. La cosa certa è che i 18 convocati erano gli unici a disposizione del tecnico bergamasco, e che il dubbio principale si è stanziato sulla trequarti. Diverse le possibilità, tutte inedite e senza grosse certezze. Tridente puro o adattamento di una mezzala nel ruolo di rifinitore? O un centrocampo a quattro in linea? Per il momento l'ipotesi più accreditata appare quella con Nainggolan leggermente più avanzato e l'inserimento di Laner nei tre di centrocampo. Ma togliere l'efficiente belga dalla fase di interdizione potrebbe non piacere a Donadoni, che sarebbe intrigato dal gettare nella mischia i tre attaccanti di peso. Per sfruttare la voglia di riscatto di Matri (a secco da un po') e la scia positiva di Acquafresca.
A Cagliari il Palermo non vanta una tradizione troppo positiva nei tempi recenti, anche se nell'ultima sfida (2-2 nel 2009-2010, dopo che il derelitto Cagliari di Melis era andato sul doppio vantaggio) raccolse un pari importante in chiave Champions League. Spesso il Cagliari l'ha spuntata, si ricordano i successi di misura firmati Pepe (2006-2007) e Fini (2008-2009).
Una sfida calda, anche dal punto di vista del tifo, che dovrà dare risposte importanti a entrambe le squadre. I 4 successi a fronte di 3 sconfitte nella gestione Donadoni hanno lasciato il Cagliari nel perenne limbo a +5 sulla zona retrocessione, il Palermo vuole darsi continuità per capire quanto potrà competere con squadre come Napoli e Juventus.
Il Cagliari dovrà dunque onorare l'impegno casalingo e quanti sfideranno l'orario poco canonico per vedere una sfida sempre foriera di spettacolo, anche se alcuni dei protagonisti più tecnici mancheranno all'appuntamento. Una vittoria potrebbe, se i risultati delle dirette concorrenti dovessero dare una mano, dare una sterzata al campionato rossoblù dopo la bella sbornia di sette giorni fa a Parma.

Probabili formazioni:

CAGLIARI (4-3-3): Agazzi; Pisano, Canini, Astori, Agostini; Biondini, Conti, Nainggolan; Acquafresca, Matri, Nenè. A disposizione: Pelizzoli, Ariaudo, Perico, Magliocchetti, Sivakov, Ragatzu, Laner. All. Roberto Donadoni.

PALERMO (4-3-2-1): Sirigu; Cassani, Munoz, Andelkovic, Balzaretti; Nocerino, Bacinovic, Migliaccio; Pastore, Ilicic; Maccarone. A disposizione: Benussi, Darmian, Prestia, Liverani, Kasami, Kurtic, Nappello. All. Delio Rossi.

ARBITRO: Paolo Tagliavento di Terni. GUARDALINEE: Papi e Niccolai. QUARTO UOMO: Velotto.