Cagliari-Spal, le pagelle: Pellegrini e Barella, è lo show dei giovani talenti

07.04.2019 17:02 di Redazione Cagliari   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Cagliari-Spal, le pagelle: Pellegrini e Barella, è lo show dei giovani talenti

Cragno 6.5 - Sul rigore è chiaramente incolpevole. Un bell'intervento nel primo tempo, tanto controllo e gestione nella ripresa. Gioca come un numero uno d'esperienza, un'altra partita degna di un estremo difensore pronto per il salto.

Cacciatore 6 - Nel primo tempo ha il fucile scarico e Fares gli sfugge come un fagiano. Meglio nella ripresa: spinga e costringe l'algerino più basso, la gara si capovolge ed è dalla sua parte che il Cagliari è più pericoloso.

Ceppitelli 6 - Fischietta indifferente ma la VAR è implacabile: il tocco di mano che regala il rigore alla SPAL è ingenuo. Nella ripresa si fa perdonare: imbriglia Antenucci, a differenza di quanto fatto nei primi 45', prende pure una sfortunata traversa.

Romagna 6 - Paloschi tenta il carpiato quando lo perde in ripartenza. Sbavatura a parte, tiene l'ex rossonero con solidità e si concede anche qualche ripartenza palla al piede. L'ingresso di Petagna non gli facilita le cose ma regge l'urto.

Pellegrini 7 - Ha più gamba di Dickmann ed è padrone totale della fascia mancina. Giocatore dal presente luminoso ma che pure in chiave futura fa ben sperare la Roma che l'ha ceduto in Sardegna a gennaio. Più evidente nel primo tempo, questo perché poi Maran decide di disegnare il suo Cagliari più a trazione destra nella ripresa.

Faragò 6.5 - Sembra un rapace per come si avventa sul pallone dell'1-0, con ringraziamenti al volo goffo di Viviano. Una partita comunque di sostanza per il polivalente ex esterno del Novara, ha ben più gamba rispetto ai dirimpettai estensi..

Cigarini 6.5 - Maran lo preferisce a Bradaric. Prende un giallo non richiesto e ingenuo per una presa rugbistica a terra sul pallone. Da dieci i piazzati che portano al raddoppio di Pavoletti e alla traversa di Ceppitelli(dal 74' Bradaric 6 - Entra e fa il compitino: appoggi, regie orizzontali, tempo perso, geometrie rubate agli avversari. Scolastico e necessario.).

Ionita 6.5 - Nella prima frazione di gara ha tante praterie che sfrutta a dovere. Quantità e partecipazione, aiuta in entrambe le fasi. Esce stremato e accompagnato dalla standing ovation della Sardegna Arena: il sudore premia. (dall'87' Padoin ng ).

Barella 7 - Nel primo tempo fa il Dorian Gray, specchiandosi sin troppo nelle sue doti, nonostante il destro da fuori del gol del vantaggio sia suo. Nellla ripresa cresce, come un diesel, prendendo in mano le redini del gioco. Dribbling e verticalizzazioni, gli manca però l'appoggio di Joao Pedro vicino.

Joao Pedro 5.5 - Gioca dall'inizio, preferito a Birsa. Qualche piccolo spunto, tanti tagli, tanti spazi, fa un lavoro talmente oscuro che a sprazzi serve controllare il campo per capire se sia o meno stato sostituito. (dal 78' Birsa ng).

Pavoletti 6.5 - Ottavo gol di testa dell'anno, undicesimo totale. Quando svetta resta in sospensione e schiaccia, sembra un grande del basket. Verace e vorace, è il trascinatore salvezza del Cagliari.