CAGLIARI TRAVOLTO DAL NAPOLI: AL SAN PAOLO FINISCE 3-0 PER GLI AZZURRI

 di Federico Paparusso  articolo letto 733 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
CAGLIARI TRAVOLTO DAL NAPOLI: AL SAN PAOLO FINISCE 3-0 PER GLI AZZURRI

Il Cagliari è di scena al San Paolo per il lunch match della 7a. giornata contro il lanciatissimo Napoli. Gli azzurri, vittoriosi nelle prime sei giornate, vogliono proseguire il trend positivo per rimanere agganciati al comando della Serie A. I rossoblù di Rastelli, invece, devono rialzarsi dopo le due sconfitte alla Sardegna Arena rispettivamente contro Sassuolo e Chievo Verona. L'ex tecnico dell'Avellino schiera il consueto 4-3-1-2 con Padoin, Romagna, Andreolli e Capuano in difesa, in mezzo Cigarini, affiancato da Barella Ionita. La vera novità è rappresentata in attacco dove viene schierato l'ex Pavoletti, al rientro dall'infortunio, insieme a Sau con Joao Pedro alle spalle. 

LA CRONACA.

Pronti, via e il Cagliari va subito sotto. Filtrante in area di Mertens per Hamsik che, tutto solo davanti a Cragno, lo trafigge con un tiro rasoterra. Dopo nemmeno cinque minuti il Napoli è in vantaggio. Al 10' il Cagliari prova a reagire: buona palla di Barella per Pavoletti, sforbiciata dell'ex Genoa e palla fuori. Al 23' il Napoli può raddoppiare: Mertens manda al bar Joao Pedro, mette in mezzo e Insigne di testa manca l'appuntamento con il gol di un soffio. Al 31' altra opportunità per i padroni di casa: Callejon va via sull'out di sinistra, entra in area e tira, Cragno respinge in angolo. Passano due minuti e piove sul bagnato per Rastelli: Sau, dopo un contrasto, chiede immediatamente il cambio per un problema muscolare. Al suo posto entra Dessena. Rastelli cambia modulo e adotta il 4-4-1-1 con Joao Pedro alle spalle dell'unica punta Pavoletti. Al 40' Romagna stende Mertens all'ingresso in area: Abisso non ha dubbi e concede il penalty. Dagli undici metri lo stesso Mertens non sbaglia: portiere da un lato, palla dall'altra. 

Il Napoli, nel corso della ripresa, parte subito forte. Passano 120 secondi e arriva il 3-0 degli azzurri: punizione di Jorginho dalla trequarti, Koulibaly controlla in area e batte Cragno da due passi. La reazione del Cagliari non arriva, con i rossoblù totalmente assenti. Al 54' magia di tacco di Mertens per Callejon, lo spagnolo dribbla due avversari, entra in area e tira a botta sicura, Cragno con un miracolo salva i suoi da un passivo peggiore. Rastelli cambia subito Cigarini, inserendo Deiola al suo posto. Al 66' altro cambio dell'ex Avelino che butta nella mischia Farias per Pavoletti, applauditissimo dai suoi ex tifosi. Ma la mossa non produce effetti concreti, se non un tiro senza pretese di Deiola propiziato dallo stesso attaccante brasiliano. Nell'ultimo quarto d'ora non succede più nulla, complici i ritmi bassi voluti dal Napoli e così dopo neanche un minuto di extratime l'arbitro Abisso manda tutti sotto la doccia. 

IL TABELLINO.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam (86' Mario Rui); Allan (78' Ounas), Jorginho, Hamsik; Callejon (70' Rog), Mertens, Insigne. A disp: Rafael, Sepe, Maksimovic, Chiriches, Maggio, Diawara, Zielinski, Giaccherini, Leandrinho. All.: Maurizio Sarri.

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Padoin, Romagna, Andreolli, Capuano; Ionita, Cigarini (56' Deiola), Barella; Joao Pedro; Sau (34' Dessena), Pavoletti (66' Farias). A disp: Crosta, Daga, Molberg, Miangue, Farago', Giannetti. All.: Massimo Rastelli

Arbitro: Rosario Abisso (Palermo) 

Marcatori: 4' Hamsik (N), 40' rig. Mertens (N), 47' Koulibaly (N).