Il Pagellone del 2018 - Gli attaccanti: Pavogol da Nazionale, annata horror per Sau e Farias

31.12.2018 19:25 di Vittorio Arba  articolo letto 2082 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Il Pagellone del 2018 - Gli attaccanti: Pavogol da Nazionale, annata horror per Sau e Farias

Terza ed ultima parte del pagellone del 2018. Analizziamo l'annata degli attaccanti rossoblu.

Leonardo Pavoletti 7.5 Annata da incorniciare per Pavogol: 15 reti nell'arco solare del 2018 che gli sono valsi l'amore incondizionato da parte dei tifosi e la chiamata in azzurro da parte del ct Mancini, anche se l'esordio (causa infortunio) non è purtroppo arrivato. Specialità della casa, il colpo di testa: ben 9 delle 15 reti messe a segno sono arrivate tramite colpo di testa, valendogli il primato di "miglior colpitore di testa" dei 5 top campionati. Ormai perno inamovibile del fronte offensivo rossoblu, completamente Pavoletti-dipendente. L'auspicio per il 2019 è di vedere qualche fastidio muscolare in meno e qualche gol in più, fondamentale per il cammino degli uomini di Maran. 

Marco Sau 5 L'involuzione di Pattolino, intravista nel 2017, è addirittura peggiorata nel 2018: due sole reti realizzate nell'intero anno solare contro SPAL nella stagione passata e con la Roma qualche settimana fa, non rendono giustizia alle potenzialità del bomber di Tonara. Annata fotocopia di quella precedente, tra "mal di gol", noie extracalcistiche, noie muscolari e "mugugni" da parte dell'ambiente, che di sicuro non hanno contribuito ad agevolare la sua ripresa. Il 2019 sarà un anno decisivo per lui: rinascita o definitivo declino?

Diego Farias 5 Il "Mago", dimostra di essere tale per riuscire a trasformare gol praticamente già fatti, in passaggi in bocca al portiere. Errori grossolani sia sotto porta che in fase di rifinitura, un lunghissimo digiuno di gol interrotto qualche settimana fa contro il Frosinone, che ha fatto intravedere piccoli cenni di ripresa, poi confermati dal gol realizzato contro il Genoa nella penultima giornata. Purtroppo, questi due lampi, non bastano per far valutare positivamente l'intera annata solare. Nell'anno venturo, dunque, speriamo di rivedere il Farias del mese di dicembre: sarebbe già un grosso passo avanti.

Joao Pedro 6 La prima metà dell'anno è di sicura la batosta più pesante della propria carriera: squalificato per doping, la sua stagione termina addirittura a Marzo, con una squalifica di 6 mesi. Torna a settembre e lo fa in una nuova veste: Maran lo schiera da seconda punta e JP10 lo ripaga subito con l'incornata vincente contro il Bologna.  Da seconda punta, la carriera di Joao Pedro sembra totalmente rinata, con un pò di costanza in più, il 10 brasiliano potrebbe risultare il jolly decisivo per Maran. 

Alberto Cerri 5.5 Tornato in rossoblu dopo le esperienze a Pescara e Perugia, arriva per fare il vice Pavoletti. Benissimo in Coppa Italia, dove contribuisce alla vittoria sul Chievo, un pò meno in campionato, dove nelle occasioni in cui è stato chiamato in causa ha finora steccato in termini di gol. Nel 2019, ci si attende la definitiva esplosione del bisonte classe '96, di cui da anni viene descritto come "potenziale crack".

Niccolò Giannetti N.G. A gennaio è rimasto in rossoblu, nonostante qualche offerta dalla cadetteria, scendendo in campo giusto per qualche spezzone di partita. A luglio, fa le valigie e si trasferisce a Livorno per disputare il campionato cadetto, chiudendo in sordina la sua esperienza rossoblu. 

Damir Ceter N.G. Arrivato nel mercato di gennaio, lo si vede in campo giusto per qualche scampolo di gara, esattamente 6 presenze. In estate viene spedito in prestito all'Olbia, dove insieme a Daniele Ragatzu è partito alla grande, per poi perdersi durante l'arco della stagione. 

Han Kwang Song N.G. Inizialmente in prestito a Perugia, viene richiamato ad Asseminello per aiutare i compagni in fase realizzativa. Tuttavia, viene impiegato meno rispetto alla stagione precedente, non incidendo sulla salvezza rossoblu. In estate, viene rispedito in prestito a Perugia, dove sta faticando più del previsto, anche a causa di continue noie muscolari.

 

+++ LEGGI QUA IL PAGELLONE DEI PORTIERI E DEI DIFENSORI

+++ … E QUELLO DEI CENTROCAMPISTI