NOTTE MAGICA: JOAO E SIMEONE RIMONTANO IL BOLOGNA

30.10.2019 22:55 di Vittorio Arba   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
NOTTE MAGICA:  JOAO E SIMEONE RIMONTANO IL BOLOGNA

Il Cagliari vola: ottavo risultato utile consecutivo, Bologna rimontato e quinto posto in coabitazione con Lazio e Napoli consolidato.

Match piuttosto equilibrato in avvio con le due squadre che si studiano, senza rinunciare ad offendere.

PRIMO TEMPO SOTTOTONO - Il primo squillo rossoblu arriva all'8': traversone dalla destra da parte di Nandez e incornata da parte di Joao Pedro, di poco a lato. Le occasioni, quelle nitide, non sono tantissime. Al 22' episodio chiave, che sblocca l'incontro: Joao Pedro stende Soriano in area, per il direttore di gara è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta il redivivo Santander, che spiazza Olsen e porta i felsinei in vantaggio.

Il Cagliari sembra meno lucido del solito, ma non rinuncia ad offendere, sul finire di tempo arriva l'incornata di Klavan, che sugli sviluppi di un corner, sfiora il palo. 

RIPRESA DA SOGNO - Il Cagliari della ripresa è fatto di tutt'altra pasta, bastano soli 4' per raggiungere il pari: traversone dalla sinistra da parte di Pellegrini, Joao Pedro si gira e insacca la rete del pari. Match acceso, al 63' il Bologna trova il pari con Palacio, ma il direttore di gara giustamente annulla per fuorigioco dell'ex interista. Maran a questo punto inserisce forze fresche: fuori Nandez e Cigarini, dentro Castro e Oliva. Passano pochi minuti, ed il Cagliari raddoppia: ci pensa il "Cholito" Simeone, che salta Skorupski con un sontuoso pallonetto ed insacca la rete del 2-1. 

I rossoblu vedono la vittoria, ma non si accontentano, tant'è che all'83 Joao Pedro cala il tris con una conclusione a centro area.

La Sardegna Arena è in festa, ma il Bologna non demorde e accorcia nuovamente con una sfortunata autorete da parte di Robin Olsen allo scadere.

Gli uomini di Maran resistono e portano a casa la quinta vittoria in campionato, l'ottavo risultato utile di fila: un avvio da sogno in attesa del "lunch match" di domenica in casa di un'Atalanta reduce dal pari col Napoli.

Quale occasione migliore per dimostrare ulteriore maturità e per cercare di sorprendere ancora?