Rastelli: “Ripartiamo con grande entusiasmo, ma dobbiamo correggere qualcosa”

 di Serafino Ghisu  articolo letto 2643 volte
Fonte: L'Unione Sarda
© foto di Daniele Liggi/TuttoCagliari.net
Rastelli: “Ripartiamo con grande entusiasmo, ma dobbiamo correggere qualcosa”

Massimo Rastelli ha rilasciato un’intervista, ai microfoni de L’Unione Sarda, in cui ha analizzato diversi temi riguardanti presente e futuro del Cagliari.

L’obiettivo stagionale - La salvezza, ma puntiamo sempre a migliorarci. Ripartiamo con grande entusiasmo. L’anno scorso è stato positivo. Dobbiamo correggere qualcosa, per esempio i gol subiti, il nostro tallone d’Achille. Il lavoro difensivo è all’ordine del giorno. Il modulo? Sarà un Cagliari camaleontico. Quattro difensori e tre centrocampisti, più in linea di massima una mezzapunta e due punte. Ma potremmo dover giocare anche qualche partita col 4-5-1 per fare risultato”.

I nuovi arrivi - “Cigarini? E’ il regista ideale. Andreolli? Ha personalità per guidare la difesa, è italiano e non ha bisogno di adattamento. Cossu? Una bandiera che dovrà insegnare ai nuovi cosa significa indossare questa maglia. Ma anche Farias, Joao Pedro, Dessena e Melchiorri quando saranno al 100% saranno altri quattro grandi acquisti”.

La retroguardia - “Daremo fiducia a Cragno, poi sta a lui dimostrarsi all’altezza della Serie A. Dietro avrà un grande uomo e un grande portiere come Rafael. In difesa a destra abbiamo Isla, Padoin e Pisacane. A sinistra puntiamo su Miangue, c’è Capuano, ma anche Pisacane e Padoin all’occorrenza. Pisacane è assolutamente un centrale difensivo. Lì ha dimostrato di essere eccezionale. Può capitare di vederlo largo ma sarà un’eccezione. Ceppitelli e Capuano saranno altri due grandi acquisti quando recuperati”.

I giovani - “Colombatto e Han mi piacciono tantissimo. Li valuteremo in ritiro per capire la soluzione migliore per  il Cagliari e per loro”.