Rastelli: "Rispetto per l'Empoli ma domani vogliamo vincere"

 di Federico Paparusso  articolo letto 1283 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Rastelli: "Rispetto per l'Empoli ma domani vogliamo vincere"

Domani al Sant'Elia arriva l'Empoli affamato di punti salvezza. Il Cagliari è pronto a questa sfida, con la voglia di rivalsa dopo che due anni fa fu proprio la formazione toscana a "iniziare" la discesa dei rossoblù in Serie B con quel pareggio al 93' firmato dall'ex Vecino che, a distanza di due stagione,  fa ancora male. Come ogni vigilia, l'allenatore Massimo Rastelli ha preso parola dalla sala stampa del centro sportivo di Assemini in vista del match di domani pomeriggio al Sant'Elia contro i ragazzi di Martiuscello. "Domani vogliamo fare una partita importante - taglia corto l'ex Avellino - bisogna trovare le motivazioni per fare punti di fronte ai nostri tifosi. L'Empoli è in forma, e i risultati lo dimostrano. Sono affamati di punti dovendo ancora salvarsi. Giocano un bel calcio, tiene alta la difesa e vengono a fare pressing. Noi non vogliamo mollare. I ragazzi stanno bene e hanno voglia di mettersi in mostra, questo è l'importante. Hanno giocatori importanti come Maccarone ma rispetto all'anno scorso hanno perso un po' di qualità. Ma Abbiamo grande rispetto per l'Empoli".

Una battuta anche sul mercato: "In questo periodo se ne sentono tante. Il mio futuro? Io vorrei restare qui e proseguire il progetto. Ma ora penso a chiudere bene la stagione, poi si vedrà. Cossu? E' una bandiera, si troverà la sua giusta collocazione. Dipenderà poi se ci sarò io o meno".

Infine sulla formazione Rastelli non si sbilancia: "Non escludo esperimenti, è giusto pensare al futuro e provare soluzioni diverse".