Romagna: "Pronti per il Verona. Il mio obiettivo è la salvezza del Cagliari"

 di Serafino Ghisu  articolo letto 1124 volte
Fonte: Il Corriere dello Sport
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Romagna: "Pronti per il Verona. Il mio obiettivo è la salvezza del Cagliari"

Filippo Romagna, arrivato dalla Juventus tra lo scetticismo dei più, sta diventando una pedina fondamentale dello scacchiere di mister Lopez.

Il difensore, classe 97, ha rilasciato un’intervista al “Corriere dello Sport”: “Sono stato accolto benissimo da tutti. Credo di avere fatto delle buone prestazioni anche se non posso essere felice per i risultati. Il mio obiettivo è quello di crescere e centrare la salvezza con la squadra, penso a lavorare e a migliorare.

Un pregio? Credo la lettura delle varie situazioni di gioco. E' qualcosa che mi porto dietro da quando giocavo in mezzo al campo e che sto sfruttando anche in difesa. In assoluto il mio preferito è sempre stato Alessandro Nesta, ma ora ci sono tanti difensori a livello internazionale, come Ramos, che mi piacciono. Quello, però, che per caratteristiche può essere più simile a me è proprio Bonucci. Ovviamente con le dovute distanze visto che lui è un fenomeno e io non ho fatto ancora nulla, devo ancora crescere fisicamente e mettere su qualche chilo, oltre ad aumentare il bagaglio di esperienza".

Sul match salvezza di domenica contro il Verona: “E’ una buona squadra con grande qualità, ma noi dobbiamo solo pensare ad essere più bravi e mostrarci più arrabbiati di loro. Si tratta di uno scontro diretto e ci stiamo preparando bene. Dobbiamo avere l’atteggiamento giusto in questa sfida e questo potremmo averlo grazie alla spinta dei tifosi. Loro si meritano di vedere una grande prestazione e speriamo che la Sardegna Arena sia piena. Dovremmo avere equilibrio e tanta fame per avere la meglio sul Verona”.

La Nazionale e l'amicizia con Nicolò Barella: “Ci conosciamo da sette anni e siamo molto legati anche perché nelle nazionali giovanili abbiamo giocato insieme a centrocampo. La Nazionale maggiore? Un traguardo che potrà arrivare in futuro. Ora penso solo all’Under 21”.