Tappa salvezza a Frosinone, il Cagliari ci prova

Il Cagliari a Frosinone impegnato nel match definito dal presidente Giulini come una delle “finali di Champions” che la squadra dovrà affrontare nel corso della stagione.
02.12.2018 13:01 di Matteo Cardia  articolo letto 474 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Tappa salvezza a Frosinone, il Cagliari ci prova

Il Cagliari a Frosinone impegnato nel match definito dal presidente Giulini come una delle “finali di Champions” che la squadra dovrà affrontare nel corso della stagione. Si torna a giocare la domenica pomeriggio, alla ricerca di tre punti contro una diretta concorrente per la salvezza, sicuramente in crescita nell’ultimo periodo.
I rossoblu affronteranno per la prima volta i ciociari in Serie A calcando il manto erboso del Benito Stirpe, stadio gestito dalla stessa società , la cui ristrutturazione è stata terminata nella passata stagione.


Il Frosinone si trova attualmente penultimo in classifica con 7 punti, una sola vittoria all’attivo ed 8 sconfitte. L’ultimo mese è stato però positivo per una formazione che in tanti davano già per spacciata: nel momento più critico, un pareggio rocambolesco con l’Empoli e poi la sonora vittoria a Ferrara con la Spal, hanno rafforzato una squadra che ha poi ottenuto altri due risultati utili consecutivi ed è stata fermata solo dall’Inter al Meazza. Nella rosa avversaria, sono presenti quattro ex rossoblu, tutti difensori: Ariaudo, Krajnc, Salamon e Capuano. Mister Longo alterna il 3-5-2 al 3-4-1-2, a seconda degli interpreti scelti per la situazione; sono però tre gli elementi di cui non si è mai privato: Sportiello in porta, Chibsah a centrocampo, Zampano sulla fascia destra.  In attacco spesso le carte sono state mischiate, con Ciano come giocatore più impiegato prima dell’infortunio. Penultimi per percentuale di possesso palla –appena il 42% in media, prima solo del Parma-  e secondi per numero di cartellini gialli -37 in stagione- i frusinati sviluppano prevalentemente il gioco sulle fasce esterne, arrivando spesso al cross.
Il tecnico avversario dovrà fare a meno di Halfreddson, Bardi, Paganini e Dionisi e ha qualche dubbio ancora sull’utilizzo di Ciano e Capuano: dal primo dipenderà il modulo che verrà utilizzato, come affermato in conferenza stampa da Longo.Nonostante le ultime buone prestazioni, il giovane Pinamonti sembra destinato alla panchina. I probabili XI: Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Krajnc; Zampano, Chibsah, Maiello, Beghetto; Campbell, Ciano; Ciofani.


Il Cagliari affronta una nuova trasferta dopo il pareggio senza reti contro il Torino: un match che ha sottolineato l’ordine tattico della squadra di Maran ma che non ha potuto dire tanto altro, a causa delle condizioni atmosferiche e del nuovo assetto, per via dell’assenza forzata di Castro. L’opportunità di allungare sulla zona calda della classifica è ghiotta, in vista delle partite complicate che la squadra dovrà affrontare nell’ultimo mese dell’anno.  L’infortunio del centrocampista argentino ha sicuramente provocato uno shock a livello mentale ma, specialmente, sul piano del gioco: l’idea di spostarlo dietro le punte era stata vincente fino ad ora, con la sola sconfitta allo Juventus Stadium a interrompere i risultati positivi. Ora si dovrà trovare un nuovo equilibrio, cercando di non disperdere troppi punti per strada e di non far mancare l’organizzazione e la qualità di gioco visti sino a questo momento.
Il tecnico trentino, parlando ai microfoni ad Asseminello, ha chiesto ai suoi uomini una gara di "coraggio, qualità e sana sfacciataggine",  per non subire la partita degli avversari, giocando con personalità. Pavoletti si è allenato regolarmente e sul suo utilizzo non dovrebbero esserci dubbi; tra i convocati sono tornati Padoin e Faragò, mentre è rimasto fuori Lykogiannis. I dubbi sono prevalentemente in attacco: Joao Pedro potrebbe essere arretrato per fare spazio a Farias al fianco del bomber livornese oppure Ionita potrebbe essere portato in trequarti, con la sua casella a centrocampo occupata da Dessena. La probabile formazione: Cragno; Srna, Pisacane, Ceppitelli, Padoin; Ionita, Bradaric, Barella; Joao Pedro; Farias, Pavoletti.

A dirigere la gara sarà il signor Marco Serra, coadiuvato dagli assistenti De Meo e Vuoto; coppia VAR Banti-Di Vuolo.