VERSIONE MOBILE
 Sabato 1 Novembre 2014
RASSEGNA STAMPA
SE DOVESSI SUGGERIRE UN ACQUISTO, IN QUALE RUOLO INTERVERRESTI?
  
  
  
  
  
  
  

RASSEGNA STAMPA

L'Unione Sarda - "Il Cagliari deve tornare in città"

Frongia, sindacalista: "Non ci interessano le colpe, Cellino e Zedda trovino subito un accordo". I tassisti danneggiati dalla scelta di Trieste minacciano uno sciopero.

16.04.2012 10:00 di Fabio Frongia  articolo letto 9957 volte
Fonte: Paolo Loche per L'Unione Sarda
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

"Il Cagliari a Trieste è un dramma per la nostra categoria. Siamo arrabbiatissimi e pronti a manifestare tutto il nostro disappunto davanti al municipio e al centro Ercole Cellino. Non ci schieriamo né da una parte né dall’altra, ci interessa solo che il problema sia risolto in fretta e che il Cagliari torni a giocare in città. Non a Elmas o a Quartu".

A lamentarsi e a minacciare clamorose azioni di protesta sono i tassisti delle cooperative Quattro Mori e Radio Taxi Rossoblù. "Il Cagliari a Trieste è un danno grave", sottolinea Giovanni Frongia (tassista della cooperativa Rossoblù nonché sindacalista dell’Uritaxi), "quando il Cagliari gioca in casa accompagniamo arbitri e tifosi sia locali che ospiti. Facciamo la spola tra aeroporto, stadio, alberghi e ristoranti. Un giro d’affari che rappresenta una boccata d’ossigeno fondamentale negli asfittici fine settimana".

Frongia lancia un accorato appello al presidente del Cagliari, Massimo Cellino, e al sindaco, Massimo Zedda. "Non ci interessa sapere di chi sono le colpe, un discorso che ha poco senso visto che il problema si trascina da tanti anni e ha riguardato anche le precedenti giunte comunali. L’importante è che vi mettiate d’accordo. Mettete una volta per tutte da parte l’orgoglio, evitate gli egoismi e le politiche del non fare». È ora di finirla, insomma. «Il Cagliari è dei cagliaritani", sottolinea il tassista, "e quindi anche nostro che siamo supertifosi fin da bambini. Grazie a Schettino abbiamo perso tra 1500 e 2000 euro nei due mesi di stop subiti dal movimento croceristico. Non vogliamo che la storia si ripeta con le partite di calcio. Ricordiamo che i tassisti sono stati gli unici, finora, a riuscire a fermare Monti a suon di scioperi. Per il Cagliari siamo pronti a tornare in piazza".

Arrabbiato anche Andrea Cocco, della cooperativa 4 Mori. "Per noi questa è un’altra brutta tegola", afferma, "la crisi è pesante e senza le partite ci verrà a mancare un’altra fetta importante di lavoro. Da tifoso dico anch’io che il Cagliari deve restare in città. Gli spazi per realizzare il nuovo stadio ci sono, quello che manca è la volontà. Mi auguro che Cellino e Zedda riescano a mettersi d’accordo".


Altre notizie - Rassegna Stampa
Altre notizie
 

UN CAGLIARI YE-YE, CHE GIOCA, SOGNA E FA SOGNARE

Bisogna tornare indietro di più di cinque anni. In campo c'erano Matri, Jeda e Fini. In panchina Max Allegri, che oggi guida la Juventus e che la Juventus sgambettò a domicilio. Ecco, quello è stato l'ultimo Cagliari capace di emozionare. Poi sono arr...

IL TOTTENHAM SU ALBIN EKDAL

L'ottimo campionato fin qui giocato dallo svedese Albin Ekdal non sta passando inosservato. Qualche sodalizio avrebbe...

CARBONIA, MERCATO IN FERMENTO

Il mercato del Carbonia è in fermento. La proprietà è intenzionata ad allestire una squadra competitiva...

GDS, FILUCCHI: "SU TAVECCHIO SERVE UNA RIFLESSIONE; SANT'ELIA? UNA VITTORIA"

Intervistato in esclusiva ai microfoni della Gazzetta dello Sport, il vicepresidente dei Sardi Stefano Filucchi ha parlato a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 1 Novembre 2014.
 
Juventus 22
 
Roma 22
 
Lazio 16
 
Milan 16
 
Sampdoria 16
 
Udinese 16
 
Napoli 15
 
Inter 15
 
Genoa 15
 
Fiorentina 13
 
Hellas Verona 12
 
Torino 11
 
Sassuolo 10
 
Cagliari 9
 
Palermo 9
 
Atalanta 8
 
Empoli 7
 
Cesena 6
 
Chievo Verona 4
 
Parma 3

   Editore: Christian Seu Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.