FIGC: "Valori plusvalenze slegati dal mercato"

FIGC: "Valori plusvalenze slegati dal mercato"
venerdì 27 maggio 2022, 20:00News
di Giancarlo Cornacchia

Secondo quanto riportato dal sito Calcio&Finanza, sono state pubblicate sul sito della FIGC le motivazioni della sentenza della Corte Federale d’Appello a Sezioni Unite sul processo per le plusvalenze. La Corte, presieduta da Mario Luigi Torsello, pur confermando la decisione di proscioglimento degli 11 club e delle 61 persone tra dirigenti e amministratori, ha evidenziato la necessità e l’urgenza di un intervento normativo sul tema della valutazione del valore del corrispettivo di cessione/acquisizione delle prestazioni sportive dei calciatori in conseguenza della percezione che alcuni valori si siano «formati in modo totalmente slegato da una regolare transazione di mercato». Secondo il Tribunale, «il metodo di valutazione adottato dalla Procura Federale può essere ritenuto “un” metodo di valutazione, ma non “il” metodo di valutazione. […] al metodo di valutazione adottato dalla Procura Federale potrebbero contrapporsi altri, ugualmente degni di apprezzamento che magari tengano conto (se del caso, anche) di “investimenti” su giovani calciatori ritenuti di prospettiva (con inerente “apprezzamento” del loro valore di acquisizione); della necessità di entrate finanziarie, anche per compensare esborsi per acquisizioni; della necessità di rinforzare la squadra in uno o più ruoli, che magari presentino una scarsità di offerta valida, con inerente lievitazione del corrispettivo di acquisizione; e così via, secondo le caratteristiche tipiche del calcio e delle società professionistiche, che devono confrontarsi anche con i media e con i propri sostenitori».