Mercoledì 23 Luglio 2014
PRIMO PIANO
SE DOVESSI SUGGERIRE UN ACQUISTO, IN QUALE RUOLO INTERVERRESTI?
  
  
  
  
  
  
  

Daily Network
© 2014
PRIMO PIANO

Cagliari-Lecce, le pagelle

26.02.2012 17:51 di Niccolò Schirru  articolo letto 2598 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews

Agazzi 6 - Poche occasioni per mettersi in mostra, il Lecce non tira mai, eccezion fatta per le due occasioni in cui prende lo specchio della porta e lo trafigge senza che lui possa farci niente.

Pisano 6,5 - Procura il rigore del pareggio, spinge costantemente sulla fascia applicando i dettami di Ballardini che chiede una squadra più ampia e un attacco continuo sulle corsie esterne. Le poche volte in cui deve vedersela con Muriel riesce a contenere il colombiano sfruttando la sua rapidità. (dall'81' Ekdal s.v. - Dieci minuti per dare una mano nell'assalto alla difesa avversaria, troppo poco per essere valutato. 

Canini 4,5 - Episodi nettamente a suo sfavore. In vantaggio su Muriel, si fa bruciare dal colombiano, tentando un goffo intervendo in scivolata quando forse sarebbe stato meglio proteggere la palla con il corpo. Paga le poche occasioni in cui l'attaccante leccese lo fa soffrire, rimediando anche l'espulsione e mostra inoltre indecisione assieme ai compagni in occasione del radoppio avversario.

Astori 6 - Prestazione complessivamente positiva, chiude bene in occasione dei rari attacchi leccesi ma partecipa con Ariaudo e Canini alla dormita sul gol di Bertolacci.

Agostini 5,5 - In campo nonostante l'acciacco, non riesce a spingere con costanza e rischia qualcosa in difesa. Stoico nel volerci essere, non riesce a tornare in campo nella ripresa. (dal 46' Ariaudo 5,5 - Riesce a spingere più del compagno sulla corsia sinistra. I risultati al cross non sono entusiasmanti, ma quantomeno tiene Cuadrado sulla difensiva e crea spazi nella metà campo avversaria. Purtroppo, insieme ad Astori, dorme sul gol di Bertolacci.

Dessena 5,5 - Ci mette il cuore e la grinta, ma manca la rapidità nella giocata che servirebbe al Cagliari per vincere sul bunker pugliese. 

Conti 6 - Dirige la manovra con calma olimpica, venendo limitato da Muriel e Di Michele che giocano a specchio provando a toglierlo dalla costruzione del gioco. Fallisce il gol che forse sarebbe valso il ko dell'avversario.

Nainggolan 6,5 - Uno degli ultimi a mollare. E' ovunque, in difesa, a centrocampo e in attacco. A destra e a sinistra. Si sfianca nel recuperare palla e ripartire, provando a trovare il varco giusto per un passaggio decisivo o un tiro. Ma il muro del Lecce regge fino alla fine.

Thiago Ribeiro 6 - Interpreta a modo suo il ruolo di trequartista. Non è Cossu, infatti salta poco l'uomo e non crea la superiorità numerica. Ma gestisce bene la palla, e nella ripresa prova a prendersi responsabilità maggiori, cogliendo anche una traversa sulla punizione-cross che per poco non porta al vantaggio.

Ibarbo 6 - Due o tre numeri impressionanti nel primo tempo, ma anche la palla persa che da il la al contropiede di Muriel. Nella ripresa inizia bene, poi si spegne col passare dei minuti, sotto i colpi di Carrozzieri e Tomovic, anche perché impiegato nel ruolo di prima punta, che non gli appartiene.

Larrivey 5,5 - Implacabile dal dischetto, non altrettanto nelle fasi dinamiche di gioco. Debole il colpo di testa, quasi a colpo sicuro, nel secondo tempo. Impacciato in più di un'occasione nella prima frazione di gara. Bene nel lavoro di sponda, dovrebbe muoversi meglio e sopratutto finalizzare. (dal 68' Ceppelini 5 - Ancora alla ricerca di una sua dimensione tattica, oggi recita da trequartista. Non punta mai l'uomo, gioca semplice in appoggio, sbagliando in più di un'occasione e mostrandosi debole nei contrasti. 

Ballardini 5,5 - Rischia Agostini nonostante le precarie condizioni fisiche del terzino. Prepara bene la gara. I suoi fanno la partita e si fanno sorprendere con ingenuità negli episodi. Si aggroviglia invece sui cambi. Ceppelini per Larrivey appare come una sostituzione forzata. Malgrado la non entusiasmante prestazione dell'argentino, considerato anche lo svantaggio, era necessario avere una prima punta in campo. 

Lecce (3-5-2) - Benassi 6,5; Tomovic 6, Carrozzieri 6, Miglionico 5,5; Cuadrado 7, Delvecchio 6, Giacomazzi 6, Bertolacci 6,5 (dal 77' Giandonato s.v.), Brivio 5,5; Muriel 7,5 (dal 90' Esposito s.v.), Di Michele 6. All. Cosmi 6,5.


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

I 22 ANNI DI CELLINO A CAGLIARI E UN SALTO DI QUALITÀ MAI ARRIVATO

Si chiude alle ore 4:44 di mercoledì 11 giugno 2014 l'avventura di Massimo Cellino come proprietario e presidente del Cagliari Calcio; la società passa in mano a Tommaso Giulini che avrà il compito - almeno - di proseguire nella strada intrapresa dall'...

RITORNO DI FIAMMA PER LIGI

La partenza praticamente quasi certa di Davide Astori sta spingendo la società rossoblù a cercare un sostituto...

CARBONIA, MERCATO IN FERMENTO

Il mercato del Carbonia è in fermento. La proprietà è intenzionata ad allestire una squadra competitiva...

CDS - AVRAMOV POTREBBE PARTIRE

E' emergenza portieri in casa Cagliari. Con Michael Agazzi che a giorni dovrebbe essere ceduto, Adàn che non ha...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 Luglio 2014.
 
Juventus 102
 
Roma 85
 
Napoli 78
 
Fiorentina 65
 
Inter 60
 
Parma 58
 
Torino 57
 
Milan 57
 
Lazio 56
 
Hellas Verona 54
 
Atalanta 50
 
Sampdoria 45
 
Genoa 44
 
Udinese 44
 
Cagliari 39
 
Chievo Verona 36
 
Sassuolo 34
 
Catania 32
 
Bologna 29
 
Livorno 25

   Editore: Christian Seu Norme sulla privacy