Con la Sampdoria per ripartire

Primo impegno infrasettimanale della stagione per il Cagliari: i rossoblu ricevono alla Sardegna Arena la Sampdoria, guidata dall’ex Marco Giampaolo.
26.09.2018 13:05 di Matteo Cardia  articolo letto 729 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Con la Sampdoria per ripartire

Primo impegno infrasettimanale della stagione per il Cagliari: i rossoblu ricevono alla Sardegna Arena la Sampdoria, guidata dall’ex Marco Giampaolo. Si torna a giocare sotto i riflettori dello stadio di casa, alla ricerca dei primi tre punti interni; non sarà facile però, vista la qualità dei doriani e la loro voglia di riscatto, dopo l’ultima sconfitta contro l’Inter, nonostante il positivo gioco espresso.
L’ultimo scontro in Sardegna terminò con un rocambolesco 2-2, in una sfida segnata da un tempo per parte: primo tempo di marca blucerchiata, portatisi avanti con una doppietta di Quagliarella, e, il secondo, segnato dalla rimonta rossoblu grazie alle reti di Farias - con Viviano complice – e di Pavoletti.
La Sampdoria è ripartita in questa stagione da alcune solide certezze: la prima in panchina, decidendo di portare avanti il sodalizio con Giampaolo. Il tecnico originario di Bellinzona, cerca di far esprimere un calcio divertente, prediligendo il fraseggio rapido e palla a terra, avvantaggiato dal fatto di poter contare su un centrocampo ricco di qualità e di un attacco convincente, composto dal sempreverde Quagliarella e dal nuovo arrivato Defrel, ormai certamente rigenerato. Nonostante due partenze importanti,  quelle di Torreira e Zapata, l’arrivo di giocatori come l’ex Roma e di Jankto, Ekdal e Saponara, hanno aggiunto valore a una rosa già valida, con la società capace anche di trattenere pezzi pregiati come Praet e Linetty.
I blucerchiati arrivano all’impegno in casa cagliaritana con il fiato corto, dopo aver giocato tre partite in una settimana , raccogliendo meno di quanto meritato. In conferenza il tecnico, ha dichiarato che la sua squadra dovrà essere cattiva, cinica, determinata e ambiziosa se vorrà strappare punti. Indisponibili Regini, Saponara e Caprari causa infortunio, la probabile formazione subirà alcuni cambiamenti e sarà schierata col 4-3-1-2, composto probabilmente da: Audero; Bereszynski, Colley, Andersen, Murru; Praet, Jankto, Ekdal; Ramirez dietro Quagliarella e Defrel.
La brutta sconfitta di Parma, ha mostrato un Cagliari completamente diverso da quello visto nelle precedenti uscite: incerto in difesa, sfilacciato tra i reparti e innocuo in zona offensiva, complice l’assenza di Pavoletti, non ha saputo convertire il sostanzioso possesso palla in qualcosa di concreto. La partita di sabato va però presa come una lezione utile a comprendere come il campionato, nonostante i miglioramenti, non sarà comunque facile, indipendentemente dall’avversario.
 Il calore dei tifosi sarà fondamentale per cercare subito di ripartire e riprendere a macinare il gioco voluto da Maran. Il tecnico, nella consueta conferenza stampa, ha affermato che l’ultimo scontro ha lasciato impressioni positive e negative ma, soprattutto, che la squadra ha lavorato nei giorni successivi in maniera ottimale. Sarà importante, secondo l’allenatore, mettere freschezza mentale in campo, senza farsi condizionare dal momento e dal risultato. Pavoletti, tra i convocati, dovrebbe essere a disposizione così come Joao Pedro, che continua a mettere minuti sulle gambe; l’attaccante livornese ha nei doriani una delle vittime preferite, con cinque gol rifilati ai genovesi nella sua carriera. La presenza del numero 30 dall’inizio è dubbia, così come la conferma della coppia Cerri-Sau apparsa troppo in difficoltà nell’ultima partita; crescono così le possibilità che Farias e Sau giochino insieme o che Joao Pedro sia portato sulla linea offensiva affiancato da uno dei due attacanti con, a supporto, Ionita. Padoin dovrebbe tornare a sinistra, Faragò potrebbe far rifiatare Srna, e Cigarini avere nuovamente le chiavi del centrocampo. Il 4-3-1-2 avrà probabilmente questi interpreti: Cragno tra i pali; Faragò, Romagna, Klavan, Padoin; Cigarini, Castro, Barella; Joao Pedro; Farias, Sau.
Fischio d’inizio alle 21, sarà Rocchi a dirigere la gara assistito dai guardalinee Santoro e Rocca e dalla coppia VAR Manganiello-Di Iorio.