Maran: "Atalanta avversario peggiore da incontrare. Sarà un match stimolante"

01.09.2018 12:45 di Federico Paparusso  articolo letto 1207 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Maran: "Atalanta avversario peggiore da incontrare. Sarà un match stimolante"

Si torna in campo. Domani sera il Cagliari sarà di scena a Bergamo contro l'Atalanta per la 3a giornata del campionato di Serie A. Come di consueto, il mister rossoblù Rolando Maran ha presentato il la gara con gli orobici in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Assemini: Come è andata la settimana? Sulla falsariga del match col Sassuolo. Abbiamo avuto l'atteggiamento giusto. Raramente la prestazione in partita non corrisponde a quanto e come hai lavorato in allenamento in settimana".

Domani non sarà facile: i rossoblù si troveranno di fronte l'Atalanta: "A parte la gara di giovedi, penso sia l'avversario peggiore da incontrare in questo momento perchè hanno sulle gambe già diverse partite ufficiali e sono avanti nella preparazione. Hanno fisicità e tanti giocatori con grandi qualità. Sarà un match stimolante, deve darci degli imput giusti su come affrontare le difficoltà. 

Situazione infermeria: "Out come al solito Ceppitelli e Joao Pedro. Torna invece Castro.

Padoin terzino? Può fare tutto, è molto duttile. Bocciatura per Pajac e Lyko? Assolutamente no, in questo momento devono soltanto crescere e metabolizzare il mio lavoro. Bradaric? Sta crescendo sempre di più, è vicino alla miglior condizione. Sta riuscendo a tenere costante il ritmo in allenamento, cosa che non accadeva sino a qualche settimana fa.

Domani - prosegue l'ex tecnico del Chievo - mi aspetto un Cagliari identitario, che deve sempre cercare di fare la sua partita a prescindere da chi si trova davanti. Domani sarà fondamentale restare corti e cercare di stare più vicini alla loro porta. Bisogna evitare superiorità numerica altrimenti possono far male. 

Klavan? Ogni settimana è un patrimonio. Siamo ancora un cantiere aperto perchè tanti sono arrivati all'ultimo, per questo il lavoro è importantissimo. Joao Pedro? E' un giocatore importante, tornerà presto. Barella? Grandi qualità e può ancora migliorare. 

Srna? La sua risposta è stata quella che mi aspettavo. Da qui la scelta di farlo giocare titolare: mi aspetto tanto da lui come dagli altri.

Ballottaggio Farias-Sau? Scelgo sempre in base al tipo di esigenze che ho. Quindi nessun ballottaggio. Cerri? Ci sono da fare delle valutazioni, non possono giocare sempre tutti. Ma arriverà il momento".