VERSIONE MOBILE
 Mercoledì 22 Ottobre 2014
RASSEGNA STAMPA
SE DOVESSI SUGGERIRE UN ACQUISTO, IN QUALE RUOLO INTERVERRESTI?
  
  
  
  
  
  
  

RASSEGNA STAMPA

L'Unione Sarda - La resa di un cuore allenato a lottare: "Crescere senza genitori ti fa arrabbiare"

15.04.2012 14:49 di Fabio Frongia  articolo letto 9020 volte
© foto di Alberto Mariani

La breve vita di Piermario Morosini è stata segnata da una serie di gravi lutti familiari. Prima la morte della madre, poi quella del padre e infine quella del fratello. Lottava, non solo sul campo, anche per la sorella maggiore affetta da un handicap.
I primi calci alla Polisportiva Monterosso dove giocava da terzino prima di diventare un promettente centrocampista, la squadra del quartiere di Bergamo dove è nato il 5 luglio del 1986. Poi il passaggio all’Atalanta e subito l’inizio di un’incredibile serie di lutti familiari che hanno costellato tutta la breve vita di Piermario Morosini che ha perso prima la madre, poi il padre, e infine il fratello nel giro di pochi anni. “Pensavo che la vita l’avesse già provato fin troppo e invece è arrivata anche quest’ultima tragedia”, ricorda Mino Favini, responsabile del settore giovanile dell’Atalanta, che lo ha seguito in tutte le squadre della società bergamasca, fino a quando venne preso assieme a Marco Motta e ad altri due compagni dall’Udinese quando non aveva ancora compiuto 19 anni. Con l’Atalanta ha vinto uno scudetto con gli Allievi e ha perso una finale con la Primavera, quando venne premiato dal Guerin Sportivo come migliore giocatore della partita. Poi qualche apparizione in panchina ma mai l’esordio con la prima squadra. Ma al di là dei risultati sportivi, Favini lo ricorda sempre disponibile con i compagni, sempre capitano in tutte le formazioni delle giovanili, sempre con “una dolcezza incredibile sul volto velatamente triste” segnato dalla perdita dei suoi cari. Ultimo di tre fratelli, prima perde la mamma Camilla quando aveva 15 anni, poi il padre Aldo a 17. “Sono cose che ti segnano e ti cambiano la vita – disse Morosini in un’intervista al Guerin Sportivo nel 2005 – ma che allo stesso tempo ti mettono in corpo tanta rabbia e ti aiutano a dare sempre tutto per realizzare quello che era un sogno anche dei miei genitori. Vorrei diventare un buon calciatore soprattutto per loro, perché so quanto li farebbe felici. Per questo so di avere degli stimoli in piu”. Lo aiutava la zia Miranda ma le tragedie non erano finite perché arrivò anche il suicidio del fratello disabile quando Piermario era già passato a Udine, dove fece il suo esordio in serie A. Gli era rimasta la sorella maggiore, anche lei con handicap: “Mario è stato sfortunatissimo – spiega Favini – e nonostante questo teneva e aveva una disponibilità totale nei confronti dei compagni”. Per questo Favini ha “un ricordo dolcissimo” di Morosini e la sua scomparsa “è una cosa che mi lascia esterrefatto”. “Non c’é mai stato nessunissimo problema in tutti i controlli medici a cui è sempre stato sottoposto. Abbiamo l’obbligo – conclude Favini – di compiere controlli e verifiche annuali e lui non ha mai avuto nessun problema”. “Non ci sono parole…il nostro Piermario è scomparso”, si legge sul sito della Polisportiva Monterosso, dove è stata pubblicata una foto di Morosini assieme ai ragazzini della piccola società bergamasca. “Ognuno di noi, ognuno di quelli che lo conoscevano e lo amavano lo piange, tutti noi lo piangiamo”.


Altre notizie - Rassegna Stampa
Altre notizie
 

CANTIERE ZEMANLANDIA, COSA VA E COSA NON VA

Dopo la vittoria in coppa Italia e il pareggio all'esordio in campionato, è arrivata la sconfitta nella prima gara casalinga di Zeman in Serie A sulla panchina del Cagliari. Risultato bugiardo, vista la mole di gioco prodotta dai giocatori rossoblù, in costante ...

UFFICIALE: DESSENA RINNOVA FINO A GIUGNO 2017

Dopo le voci dei giorni scorsi, è arrivata l'ufficialita: Daniele Dessena ha messo la propria firma sul rinnovo...

CARBONIA, MERCATO IN FERMENTO

Il mercato del Carbonia è in fermento. La proprietà è intenzionata ad allestire una squadra competitiva...

GDS, FILUCCHI: "SU TAVECCHIO SERVE UNA RIFLESSIONE; SANT'ELIA? UNA VITTORIA"

Intervistato in esclusiva ai microfoni della Gazzetta dello Sport, il vicepresidente dei Sardi Stefano Filucchi ha parlato a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 22 Ottobre 2014.
 
Juventus 19
 
Roma 18
 
Sampdoria 15
 
Milan 14
 
Udinese 13
 
Lazio 12
 
Napoli 11
 
Hellas Verona 11
 
Inter 9
 
Genoa 9
 
Fiorentina 9
 
Torino 8
 
Empoli 7
 
Atalanta 7
 
Cesena 6
 
Palermo 6
 
Cagliari 5
 
Chievo Verona 4
 
Sassuolo 4
 
Parma 3

   Editore: Christian Seu Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.