E’ sempre il solito, vecchio Cagliari: crisi senza fine per i rossoblù

E’ sempre il solito, vecchio Cagliari: crisi senza fine per i rossoblùTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Paola Pascalis
lunedì 19 dicembre 2022, 15:00Approfondimenti
di Paola Pascalis

Il Cagliari, dopo la vittoria contro il Perugia, era chiamato a dare una svolta in positivo, ad una stagione fin qui mediocre, contro il neopromosso Palermo. Invece, la squadra guidata da Liverani, ha messo in mostra i soliti difetti: occasioni gettate alle ortiche, orrori difensivi, tanta, tanta confusione e poca fame. Una stasi preoccupante, considerando che la sfida contro il Cosenza, penultimo, andrà a chiudere il girone di andata, con un bottino desolante, rispetto a quelle che erano le aspettative della piazza alla vigilia del campionato: appena 22 punti in 18 gare, con una media di 1,22 punti a partita, frutto di 5 vittorie, 7 pareggi e 6 sconfitte e la zona play-out ad appena 3 punti. Una situazione quasi surreale, considerando i favori dei pronostici a inizio campionato. La panchina di Fabio Liverani sembra essere diventata instabile e la gara contro i calabresi potrebbe essere l'ultima chiamata: nonostante i risultati altalenanti, il gioco deludente e i malumori della piazza che ha apertamente contestato il tecnico nell'ultima gara casalinga, la società ha sempre ribadito la propria fiducia nell'allenatore. Ora però è necessaria una scossa e sarebbe bene non finire sempre nell'indicare gli episodi, come causa dei mali e delle sconfitte del Cagliari, quanto piuttosto analizzare i difetti della squadra per poterli correggere. Quel che è certo è che non basterà la gara con il Cosenza dell'ex Larrivey per ricucire lo strappo con la tifoseria, depressa dopo tre stagioni in cui raschiare il fondo sembra diventata una triste abitudine di cui Liverani è solo l'ultimo dei responsabili.