Accordo in terra cinese, prosegue il sodalizio Cagliari-Xiapu

06.09.2020 14:11 di Vittorio Arba   Vedi letture
Accordo in terra cinese, prosegue il sodalizio Cagliari-Xiapu

Prosegue il rapporto di stretta collaborazione tra il Cagliari Calcio e Xiapu, città della provincia del Fujian, in Cina. Il Club e le autorità cinesi hanno siglato un protocollo d’intesa che porterà il Cagliari a sviluppare un vasto programma di formazione dedicato ai giovani e agli allenatori locali con l’obiettivo di promuovere la crescita del calcio a Xiapu. Un’attività che la società ha avviato durante la scorsa stagione: ora, gettate le basi, si punta a consolidare il progetto. 

Spetterà ai tecnici del Settore giovanile portare in Cina le proprie conoscenze e professionalità. Un lavoro mirato svolto all’interno delle scuole, fianco a fianco agli istruttori locali, per spiegare le migliori metodologie di allenamento, attuare dei piani di formazione così da accompagnare la maturazione dei ragazzi sia dal punto di vista tecnico che fisico. Nell'ambito dell'intesa, inoltre, è in programma l’arrivo in Sardegna dei migliori talenti cinesi selezionati sul territorio, assieme ad allenatori e rappresentanti delle istituzioni: un’occasione per approfondire e osservare da vicino il modello Cagliari.

Non solo sport: non è un caso che l’accordo sia stato annunciato in occasione di una video conferenza a cui hanno preso parte, oltre al Cagliari Calcio, le alte autorità politiche del Fujian, Confindustria Sardegna Meridionale e il Comune di Cagliari. La collaborazione tra il Club e Xiapu punta ad andare così oltre l’ambito calcistico per estendersi alla sfera economica e culturale.

Come affermato dal Vice Governatore del Dipartimento di Commercio della Provincia di Fujian, Chen Ansheng, e dal Vice Direttore dell’Ufficio agli Affari Esteri della stessa provincia, Huang Shaorong: “L’auspicio è che l’accordo tra il Cagliari Calcio e il Governo di Xiapu possa promuovere non solo lo sviluppo del nostro calcio, ma anche la cooperazione tra i due territori, attraverso gli scambi economici, commerciali e turistici”.

Ha detto Francesco Marini, Presidente di Confindustria Sardegna Meridionale: “Sono fiero di rappresentare l’Isola a questo tavolo: ritengo l’accordo una iniziativa di fondamentale importanza nello sport giovanile, che creerà al contempo nuovi collegamenti e nuove opportunità di sviluppo”.

Il Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha sottolineato l'importanza di “rafforzare - attraverso gli scambi culturali - l’amicizia tra i due popoli e il confronto tra tradizioni millenarie. Ringrazio il Cagliari Calcio e spero che i legami con la Provincia di Fujian diventino sempre più proficui”.

Chiusura affidata al Direttore generale rossoblù, Mario Passetti: “Il Cagliari Calcio metterà a disposizione il suo patrimonio di conoscenze così da contribuire ad innalzare il livello del calcio giovanile a Xiapu e favorire la sua internazionalizzazione. L’accordo dovrebbe anche facilitare la nascita di nuove e interessanti opportunità di collaborazione tra la Sardegna e la Provincia di Fujian”.

L’esperienza del Cagliari Calcio a Xiapu è iniziata lo scorso agosto. Il Dg Passetti, assieme all'ambasciatore internazionale del Club, nonché coordinatore tecnico della Primavera e U17, Daniele Conti, aveva tenuto degli incontri con autorità e personalità locali, dirigenti e tecnici della squadra di Xiapu.

Nella delegazione anche il Responsabile della Cagliari Football Academy, Bernardo Mereu, e la Business Development Manager, Claudia Balu. In quell’occasione istruttori e tecnici rossoblù avevano trascorso un mese in Cina per iniziare a trasmettere ai loro colleghi le proprie conoscenze su gestione e organizzazione di una Academy. La sinergia tra il Club e le realtà locali è proseguita anche fuori dal campo quando lo scorso dicembre il Direttore commerciale, Stefano Melis, ha tenuto dei seminari sul modello di funzionamento della Società agli studenti della Fujian Normal University.

Un rapporto speciale quello tra Cagliari e Xiapu suggellato da quanto accaduto nell’aprile scorso quando, proprio dalla città cinese, nel pieno dell’emergenza Covid in Italia, sono arrivate a Cagliari – grazie anche al lavoro della Fondazione “Carlo Enrico Giulini” – oltre 150.000 mascherine e altri prodotti medico-sanitari, messi a disposizione dell’ATS Sardegna e del Comune di Cagliari, nonché serie di enti e associazioni no-profit del territorio.