La rabbia di Courtois: "Ci sono sempre più partite e meno riposo. Se stiamo zitti, non cambierà nulla"

La rabbia di Courtois: "Ci sono sempre più partite e meno riposo. Se stiamo zitti, non cambierà nulla"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
lunedì 11 ottobre 2021, 12:00News
di Maria Laura Scifo

Thibaut Courtois al termine della gara contro l'Italia si è esposto sulla questione relativa alle troppe partite disputate dai calciatori, che possono avere inciso su diversi infortuni. Queste le sue parole riportate da TMW: "Questa partita per il terzo e il quarto posto è una partita organizzata per soldi e dobbiamo essere onesti. L'abbiamo giocata perché per la UEFA sono soldi extra. Guardate quanto sono cambiate le formazioni di entrambe le squadre. Se entrambe le squadre fossero state in finale, avrebbero giocato altre persone. E questo dimostra solo che giochiamo troppo. È un male che non si parli dei giocatori. E ora si dice che ci sarà un Campionato Europeo e un Mondiale ogni anno... Quando riposeremo? Mai. Non siamo robot! Ci sono sempre più partite e meno riposo per noi ma nessuno si preoccupa di noi. Ci facciamo male e ci infortuniamo. L'anno prossimo abbiamo una Coppa del Mondo a novembre, poi dobbiamo giocare di nuovo fino alla fine di giugno. Tre settimane di vacanza non bastano per giocare 12 mesi ai massimi livelli. Se stiamo zitti, non cambierà nulla".