GAGLIANO E SIMEONE STENDONO I CAMPIONI D'ITALIA

29.07.2020 23:42 di Vittorio Arba   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
GAGLIANO E SIMEONE STENDONO I CAMPIONI D'ITALIA

Vittoria di prestigio per il Cagliari, che alla Sardegna Arena, stende i neo Campioni d'Italia della Juventus.

Termina 2-0 in favore degli uomini di Zenga, che liquidano i bianconeri grazie alle reti del Primavera Luca Gagliano e di Giovanni Simeone, imbeccato dallo stesso attaccante algherese.

GAGLIANO RIPAGA ZENGA

Zenga sorprende tutti e schiera il tridente, con Joao Pedro che torna al suo ruolo di trequartista alle spalle di Simeone e appunto Gagliano, all'esordio da titolare. Campioni d'Italia che rispondono con il duo Higuain-Cristiano Ronaldo, con il portoghese alla caccia di gol pesanti per tentare di raggiungere Immobile in classifica marcatori. 

Prima occasione dell'incontro in favore dei bianconeri al 7', quando Higuain spara addosso a Cragno in diagonale, con l'estremo difensore rossoblu abile nel respingere di piede. 

Passa 1' ed il Cagliari si trova in vantaggio: Mattiello pesca a centro area Gagliano, che col piattone buca Buffon e sigla la sua prima rete tra i professionisti e nella massima serie, portando così i rossoblu sull'1-0.

Momento positivo per i rossoblu, che al 13' ci provano con lo stesso Mattiello, ma Buffon è attento sul diagonale dell'esterno. 

Al quarto d'ora, annullato gol a Ronaldo per fuorigioco: giusta la chiamata dell'assistente di linea. 

Sul finire di tempo i bianconeri ci provano con i vari tentativi da parte di Bonucci, Higuain e Bentancur, ma i rossoblu tengono botta e vanno all'intervallo addirittura in vantaggio di due reti: al 2' di recupero Gagliano pesca Simeone, che con una vera e propria sassata infila alle spalle di Buffon la rete del 2-0. Cagliari dunque in vantaggio dopo i primi 45'.

POCHE EMOZIONI NELLA RIPRESA ED I ROSSOBLU LA PORTANO A CASA

In avvio di ripresa, Zenga decide di coprirsi, togliendo l'ottimo Gagliano in favore di Lykogiannis, mentre Rog lascia il campo al redivivo Paloschi. 

Ripresa dai ritmi decisamente più blandi, con i rossoblu che tengono il doppio vantaggio ed i bianconeri, senza più grossi stimoli, che non affondano il colpo e lasciano spazio e minuti ai numerosi giovani fatti esordire da Sarri.

L'unica occasione degna di nota della ripresa, è proprio la conclusione del giovane Zanimacchia allo scadere, che costringe Cragno ad un grande intervento sulla propria conclusione dal limite. 

Il Cagliari torna a sorridere dopo settimane buie, questa vittoria non cambierà certo la valutazione su una stagione deludente nel complesso, ma che comunque fa tornare un minimo il sorriso, in vista dell'ultima giornata di campionato, sabato contro il Milan. 

CAGLIARI (3-4-1-2): Cragno; Walukievicz, Ceppitelli, Klavan; Faragò, Ionita, Rog (47′ Paloschi), Mattiello; Joao Pedro (88′ Pereiro); Simeone (84′ Birsa), Gagliano (46′ Lykogiannis). A disposizione: Rafael, Pisacane, Carboni, Lombardi, Marigosu, Delpupo, Ladinetti, Ragatzu. Allenatore: Zenga.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Cuadrado, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Bentancur (76′ Peeters), Pjanic (60′ Zanimacchia), Muratore (60′ Matuidi); Bernardeschi, Higuain (88′ Olivieri), Ronaldo. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Coccolo, Demiral, Frabotta, Wesley, Vrioni. Allenatore: Sarri.

Arbitro: Ghersini di Genova
Ammoniti: Rog (C), Pjanic (J), Joao Pedro (C)
Marcatori: 8′ Gagliano (C), 45’+1 Simeone (C)