NÉ VINCITORI, NÉ VINTI: CAGLIARI E LECCE A RETI BIANCHE

12.07.2020 21:26 di Vittorio Arba   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
NÉ VINCITORI, NÉ VINTI: CAGLIARI E LECCE A RETI BIANCHE

Termina a reti bianche il match tra Cagliari e Lecce, valido per la 32ma di Serie A, con rossoblu e salentini che regalano un match tutto sommato piacevole, ma senza riuscire a sbloccare il punteggio.

Zenga lancia Lykogiannis dal 1' nei tre di difesa, in avanti confermato Joao Pedro al fianco di Simeone. Tra i titolari ospiti gli ex rossoblu Gabriel e soprattutto Marco Mancosu, che giostra dietro le punte Falco e Babacar.

RADJA ALZA "BANDIERA BIANCA", OCCASIONE PER RAGATZU

Cagliari che tenta il primo affondo dopo 2' di gioco, ma la conclusione di Nainggolan è murata dalla difesa leccese. Al 17' si fa ancora vivo il Cagliari: Azione manovrata da Rog e rifinita da Joao Pedro per Simeone, il Cholito calcia da buona posizione, perdendo il tempo della conclusione e sciupa l'occasione. 

Al 20' primo affondo salentino e primo rischio per Cragno, che con la punta delle dita salva sulla conclusione in diagonale di Falco, scaturita da un erroraccio in disipegno da parte di Lykogiannis. Passo 1' ed il Lecce centra un palo clamoroso con Babacr, che da pochi passi colpisce il legno, sugli sviluppi della precedente conclusione di Saponara, murata dalla retroguardia rossoblu.

Alla mezzora, tegola per gli uomini di Zenga: Nainggolan alza "bandiera bianca" a causa di un fastidio muscolare, dentro Daniele Ragatzu coi rossoblu che passano al tridente.

Al 39' due infortuni per gli ospiti ed altrettante sostituzioni operate da Liverani: out Falco e Calderoni, dentro il grande ex Farias e Rispoli. 

Il primo tempo si chiude con il Lecce in fase offensiva e con la conclusione di Saponara che si spegne sul fondo.

SQUADRE PIU' LUNGHE, MA IL MATCH NON SI SBLOCCA

Le due squadre si affrontano a viso aperto, nonostante la stanchezza: in avvio Simeone viene anticipato in corner da Paz, mentre il Lecce va a segno con Saponara, che comunque si trova in offside, con la marcatura annullata correttamente dal direttore di gara.

Al 60' i rossoblu ci provano con Ragatzu, ma il suo diagonale è debole e viene bloccato tranquillamente da Gabriel. Passano 5' ed il Lecce sfiora il vantaggio con Farias, ma la sua conclusione viene deviata da Mattiello, con il pallone di poco sul fondo. 

Al 78' i rossoblu ci provano con Nandez, che aggancia in area e calcia alto di pochissimo. Nel finale, Zenga si gioca la carta Pereiro al posto di uno scialbo Joao Pedro, ma all'85' Cragno è ottimo sulla conclusione di Farias.

All'87' grande pallone di Nandez per Simeone, che appena dentro l'area, cicca la conclusione con l'azione che sfuma.

Termina 0-0 tra Cagliari e Lecce, un punto tutto sommato giusto per quanto visto sul terreno di gioco della Sardegna Arena, ma la vittoria comincia a mancare da quattro gare, con l'ultimo successo giunto contro il Torino lo scorso 27 giugno.

Ora sotto con la Samp, nel match di Marassi di mercoledì nel consueto (ormai) orario delle 19.30, con Zenga che molto probabilmente dovrà fare a meno di Radja Nainggolan.