Sassuolo-Cagliari, le pagelle: Simeone rapace d'area, centrocampo rimandato a ottobre

20.09.2020 19:41 di Redazione Cagliari   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Sassuolo-Cagliari, le pagelle: Simeone rapace d'area, centrocampo rimandato a ottobre

Cragno 6 - Niente parate da uomo -Cragno, ma gli interventi sono efficaci. Il Sassuolo ci prova in tutti i modi, lui risponde colpo su colpo. Ci prova anche sulla punizione, ma poteva fare pochissimo.

Faragò 5 - Partita di sofferenza per l'esterno destro dei sardi che non riesce a fermare le avanzate dei neroverdi. La difficoltà si vede subito, dopo 7' viene subito ammonito. 

Walukiewicz 5.5 - Fatica troppo, soprattutto sui palloni che spiovono in area. Non riesce mai a trovare i tempi giusti in una partita intensa e difficile da interpretare.

Klavan 6 - Tiene bene Caputo, anche perché il numero 9 viene servito pochissimo. I problemi maggiori arrivano più che altro dalle corsie esterne, ma l’ex Liverpool porta a casa una prestazione sufficiente. (Dal 45’ Pisacane 6 - Più sicuro rispetto al compagno di reparto, il cambio di passo è anche merito suo).

Lykogiannis 6.5 - Al posto giusto nel momento giusto. Sempre attento, compie un paio di diagonali decisive. Non lascia nulla al Sassuolo, dalle sue parti Toljan non passa quasi mai.

Caligara 5.5 - Gli danno un compito complicatissimo, ovvero marcare un Locatelli in splendida forma. Risultato pessimo - sono stati 60’ di corsa a vuoto - ma non è di certo responsabilità sua. (dal 62’ Zappa - Freschezza mentale e fisica, dal suo ingresso il Cagliari gioca con maggiore convinzione).

Marin 5 - Prova opaca, sbaglia un passaggio semplice dopo pochi secondi: la fotografia del suo match sta tutta lì, da quel momento infila una serie negativa di passaggi sbagliati e di decisioni rivedibili. (dal 76’ Oliva 6 - I cambi di Di Francesco danno nuova linfa vitale, partecipa alla rinascita dei rossoblù).

Rog 6 - Soffre come tutto il reparto, nel primo tempo prova a prendere le misure ma non riesce mai a gestire Obiang e Locatelli. Nella ripresa cambia marcia e inizia a recuperare palloni fondamentali. (dal 76’ Sottil 6 - Buon impatto sul match, dà maggiore imprevedibilità all'attacco).

Nandez 6.5 - Bel duello con Rogerio, ma il ruolo d'esterno destro non gli si addice. Quando viene abbassato a centrocampo cambia il match, entra a far parte dell'azione del gol. 

Simeone 7 - Il classico centravanti ombra. Due colpi di testa nel primo tempo sono il preludio a una serata davvero interessante. Le prime due occasioni
vanno male, la terza finisce dritta in porta. Marchio registrato, tra sacrificio e gol incarna lo spirito argentino. 

Joao Pedro 6.5 - Litiga spesso col pallone e per larghi tratti della partita si nasconde dietro la linea di fondo. Quando si accende cambia la partita, assist spettacolare per la zuccata vincente del Cholito. 

Eusebio Di Francesco 6 - Pretende di mettere in campo un 4-3-3 con elementi non adatti ad un simile modo, ma almeno corre ai ripari con cambi sensati e decisivi.