Centrocampo ai minimi termini. Odore di conferma per Ladinetti e Kourfalidis?

Centrocampo ai minimi termini. Odore di conferma per Ladinetti e Kourfalidis?
© foto di Cortesia Cagliari Calcio
giovedì 20 gennaio 2022, 18:45Approfondimenti
di Giancarlo Cornacchia

Dopo la sconfitta in Coppa Italia di ieri sera, Walter Mazzarri non ha faticato a trovare alcune note positive. In primis le buone prestazioni di Riccardo Ladinetti e Christos Kourfalidis. Il regista cagliaritano è finalmente tornato in campo dopo oltre 250 giorni di assenza: l'inizio della gara è stato fisiologicamente timido, con lecita emozione. Ma una volta presa confidenza con il match, ha gestito in maniera soddisfacente i palloni gravitati nella sua zona di competenza, e persino un elemento di una certa esperienza come Magnanelli ha dovuto ricorrere a qualche rudezza per limitarlo. Da applausi il taglio servito a Nandez in occasione dell'azione del goal annullato a Pavoletti. Piacevole conferma anche per il greco dopo la prova contro il Cittadella. Kourfalidis ha gettato in campo il classico temperamento del guerriero ellenico. E così come nell'antica Troia i nemici dovevano sudare per avere la meglio sui soldati, ecco che il buon Christos ha lottato su ogni pallone, corso chilometri in quantità e provato anche la conclusione verso la porta di Pegolo. Questi due giovani si stanno mettendo in mostra e in un momento come questo, dove il centrocampo del Cagliari è ridotto ai minimi storici (può contare solo su Marin e Nandez), il tecnico Mazzarri potrebbe rivolgersi a loro anche nella gara di domenica contro la Fiorentina.