Paolo Esposito: "Spero che il Cagliari si salvi, ma a Salerno ha perso un treno importante"

Paolo Esposito: "Spero che il Cagliari si salvi, ma a Salerno ha perso un treno importante"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 13 maggio 2022, 19:00News
di Giancarlo Cornacchia

Il giornalista Paolo Esposito ha parlato della lotta salvezza ai microfoni di AreaNapoli.it: "Non sono tifoso del Cagliari. Ho solo e sempre detto che ho una vecchia simpatia per il Cagliari, dai tempi della leggendaria squadra di Gigi Riva, Enrico Albertosi e tutti quei calciatori che vestivano la mitica maglia bianca con i risvolti rossoblù. Quella squadra l'ho vista dal vivo coi miei occhi da ragazzino a bordo campo dello stadio San Paolo, facendo il raccattapalle, visto che giocavo da portierino nel settore giovanile del Napoli. E quando veniva il Cagliari a Fuorigrotta, pregavo il mio allenatore di quel tempo, il mitico Giovanni Lambiase, di mettermi dietro la porta del mitico Enrico Albertosi e non dietro la porta del Napoli, che pure era difesa dall'altro mito Dino Zoff. Tifo per il Napoli, ma non faccio il giornalista e conduttore televisivo "tifoso", sono equidistante e per questo la gente mi domanda spesso per quale squadra tifo. È il più bel complimento che un addetto ai lavori possa ricevere. Ribadisco che mi piacerebbe che il Cagliari si salvasse e l'ho dichiarato anche ad un sito sportivo cagliaritano che mi ha intervistato. Anche se credo che i sardi hanno perso l'occasione giusta per raddoppiare le possibilità di salvarsi, non vincendo a Salerno domenica scorsa, contro una compagine stremata da 3 partite in 6 giorni. Troppo rinunciatario il Cagliari in quella gara che ha rischiato seriamente di perdere. Non ho mai detto che voglio che la Salernitana retroceda. Se qualcuno ha delle prove televisive o scritte, me le porti. Potrebbero anche salvarsi entrambe le squadre, visto che sono coinvolte molte più squadre nella lotta per non retrocedere in serie B".