Vittorio Sanna: "Vittoria che nasconde gli equivoci che Liverani dovrà risolvere"

Vittorio Sanna: "Vittoria che nasconde gli equivoci che Liverani dovrà risolvere"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luca Di Leonardo
venerdì 5 agosto 2022, 21:00News
di Vittorio Arba

Il giornalista Vittorio Sanna, al termine di Cagliari-Perugia, ha commentato la vittoria rossoblù tramite il suo "Commento a caldo", postato sui propri canali social. Queste le sue parole, sintetizzate da TuttoCagliari.net: "Il Cagliari batte 3-2 il Perugia, una vittoria che mancava da tanto tempo e che ha nascosto gli equivoci che Liverani dovrà risolvere da qui all'inizio del campionato. Una vittoria giunta grazie soprattutto a Zito Luvumbo, che con il suo phard e con il suo dinamismo, i difetti della squadra in termini di costruzione di gioco e grazie ad un grandissimo gol su punizione (suo pezzo forte) di Nicolas Viola. Il Cagliari ha sofferto, in quelle che sono le scelte "politiche" da parte dell'allenatore: Di Pardo, lontano parente di quello che può essere definito acquisto necessario per la squadra. Tantissimi errori, tantissime lacune dalla sua parte, in parte compensati da Zappa nella ripresa. A sinistra, la situazione non è stata tanto diversa: Obert è più difensore che fluidifucante e il Cagliari è mancato di spinta su quella fascia. Con Carboni non è cambiato praticamente nulla. L'altro equivoco è stato risolto dopo appena 5': in formazione c'era Viola davanti alla difesa e Makoumbou mezzala, a fare il play davanti alla difesa è stato Makombou. Il centrocampista franco-congolese è stato di poter prendere in mano le chiavi del centrocampo e di farlo con autorevolezza e dinamismo. Viola, invece, si è mostrato più in palla come mezzala. Liverani sta cercando di stabilire delle gerarchie, il lavoro per lui non manca e ci sono tante cose da risolvere: tanti dualismi che andranno chiariti e bisogna capire come procedere in base alle scelte fatte dalla società. Dopo di che si potrà pensare esclusivamente alle logiche del campo e delle caratteristiche dei calciatori. Nel secondo tempo, con l'ingresso di Kourfalidis, Deiola e degli altri, certamente è stato un Cagliari più quadrato"