Acquafresca: "Classifica Cagliari? Con i nomi non si fanno i risultati"

Acquafresca: "Classifica Cagliari? Con i nomi non si fanno i risultati"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 21 ottobre 2021, 15:30Ex rossoblù
di Redazione TuttoCagliari

Sulle frequenze di Lady Radio è intervenuto Robert Acquafresca, ex attaccante del Cagliari. Ecco le sue considerazioni sulla sfida in programma domenica prossima al Franchi:

E' mai stato vicino alla Fiorentina?
"Sono stato molto vicino, però le strade del mercato sono infinite, io sono dell'Inter e le cose non sono andate".

Ha sfiorato anche i Cosmos di Commisso?
"Sì, mi sono sentito con Barone e l'allenatore, ma i costi non permettevano l'operazione".

Come giudica i primi due anni di questa nuova proprietà?
"Commisso ha investito tanti soldi, ma è chiaro che i tifosi si aspettano i risultati sempre subito. Quest'anno può essere un anno veramente importante, a parte la sconfitta di Venezia. Italiano può ridare il lustro che era venuto a mancare negli ultimi anni perché è un grande allenatore".

Quanto può influire su Vlahovic la vicenda relativa al suo rinnovo?
"Dipende da giocatore a giocatore, come uno reagisce e decide di continuare. Commisso ha voluto portare lui e il suo entourage allo scoperto, ma all'interno del gruppo non credo influisca tanto perché è una cosa personale. L'importante è che continui a fare bene e fare gol: è l'unico modo per stemperare le voci. I problemi sono con la dirigenza casomai".

Sorprende vedere il Cagliari in fondo alla classifica.
"Purtroppo con i nomi non si fanno i risultati. Il Cagliari ha investito molto, cosa a cui non era abituato prima e si aspettava un piazzamento diverso. E' presto parlare di una squadra che si toglie dai guai dopo una sola vittoria, così come è presto dire che la Fiorentina è in crisi dopo una sconfitta. Sarà una bella partita domenica".

Sarà una partita spartiacque?
"Una settimana dopo hai sempre l'opportunità per riscattarti o fare ancora peggio: è il calcio. Quando perdi devi essere più bravo rispetto a quando vinci".

In che cosa deve migliorare Vlahovic?
"So che ha una cultura del lavoro incredibile, come hanno tutti i giocatori che arrivano dalla Serbia. Gli consiglio di leggere poco i giornali, soprattutto a Firenze, e continuare a fare gol, a trascinare la squadra, prendendosi le responsabilità. E' questo che fa la differenza".