esclusiva tc

Ielpo: “Ranieri perfetto per il post Semplici. Giulini quest’anno non ha aspettato di essere retrocesso per cambiare. Cagliari troppo fragile difensivamente. Keita bel colpo”

ESCLUSIVA TC - Ielpo: “Ranieri perfetto per il post Semplici. Giulini quest’anno non ha aspettato di essere retrocesso per cambiare. Cagliari troppo fragile difensivamente. Keita bel colpo”TUTTOmercatoWEB.com
martedì 14 settembre 2021, 16:40Esclusive TC
di Nicolò Schira

Sei stagioni in rossoblù con oltre 200 presenze ufficiali non si dimenticano. Ecco perché Mario Ielpo, oggi apprezzato opinionista di Milan TV nonchè avvocato, non nasconde il dispiacere per difficoltà vissute dal Cagliari in questo avvio di stagione. L’ex numero uno del Casteddu ha analizzato il momento del club isolano in esclusiva per TuttoCagliari.net.

Oggi è arrivato l’esonero di Leonardo Semplici: se lo aspettava o è stato un fulmine a ciel sereno?
"In realtà non sono sorpreso più di tanto. C'era già la voce domenica allo stadio che Semplici potesse essere esonerato e che ci fosse maretta dopo sconfitta col Genoa...".

Cosa non ha funzionato in questa prima parte di stagione? 
"Il Cagliari mi è sembrato un po’ leggerino in queste prime gare. L’ho seguito dal vivo contro il Milan e mi ha colpito in negativo la fragilità difensiva della squadra, che prende troppi gol. È allarmante la scioltezza con cui prende gol dagli avversari. Nove in 3 gare sono tanti, troppi...”.

Nonostante un top player come Cragno tra i pali...
"Se ti tirano contro 10/11 volte a partire, anche un grande portiere non può sempre fare miracoli. Ribadisco: il problema è una fase difensiva troppo fragile".

Chi è l’uomo in più di questo Cagliari?
"Scelgo sempre Joao Pedro, che come tutti gli anni resta l'ago della bilancia. È stato spremuto in questi anni, non può sempre fare lui la differenza ma la qualità che ha è di livello superiore. Poi Nandez resta un valore aggiunto". 

Tra gli acquisti estivi chi l’ha colpita di più? 
"Certamente Keita Baldè che può dare velocità e alzare il livello davanti. È la punta che serviva e mancava in rosa".

Può salvarsi questo Cagliari? 
"Ci sono due/tre squadre allo sbaraglio e inferiori al Cagliari, che comunque dovrà trovare i giusti automatismi. Giulini non ha fatto l'errore dell'anno scorso di aspettare di essere retrocesso per cambiare allenatore e questo può essere un vantaggio. Per salvarsi il Cagliari deve giocare con forza fisica e gente veloce quando riparte. La Squadra è stata concepita l'anno scorso per fare un bel calcio, che però non paga se ti devi salvare”.

Un nome secco: chi per il post Semplici?
"Ranieri sarebbe perfetto, ma credo sia difficile. Un allenatore rodato come Iachini sarebbe l'uomo giusto per salvarsi".